Laurea honoris causa a Tim Cook, la Lectio Magistralis a Napoli tra sostenibilità e impegno sociale

Laurea honoris causa a Tim Cook, la Lectio Magistralis a Napoli tra sostenibilità e impegno sociale
Giovedì 29 Settembre 2022, 13:41 - Ultimo agg. 30 Settembre, 16:01
8 Minuti di Lettura

Accademici, istituzioni e il mondo dell'imprenditoria. Parterre delle grandi occasioni per la Laurea Honoris Causa dell'Università degli Studi Federico II a Tim Cook, CEO di Apple. Presente il sindaco Gaetano Manfredi con la moglie Cettina Del Piano, il presidente del Calcio Napoli Aurelio De Laurentis, il questore Alessandro Giuliano, il prefetto Claudio Palomba, il presidente della Corte d'Appello Giuseppe De Carolis, il presidente dell’Unione Industriali Napoli Costanzo Jannotti Pecci, e il presidente dell’Unione Industriali Campania Vito Grassi.

Impegno sociale e sostenibilità i temi principali della Lectio Magistralis di Cook che ha voluto ricordare anche la tragedia delle Marche per i cambiamenti climatici.

Tim Cook, Lectio Magistralis - Laurea Honoris Causa in Innovation and International Management - Università degli Studi di Napoli Federico II, 29 settembre 2022.

Buongiorno a tutti.

Vorrei ringraziare il Rettore Lorito, la professoressa Caldarelli e il professor Cantone per le loro gentili parole. 

È un onore ricevere un riconoscimento da un'istituzione con una storia così illustre. Un'istituzione che forma le giovani menti più brillanti d’Italia da quasi 800 anni.

Voglio anche dire quanto abbiamo apprezzato la vostra collaborazione nel portare la prima Apple Developer Academy d’Europa proprio qui a Napoli.

Nei sei anni trascorsi dall'inizio del programma, l'Academy ha insegnato a quasi 2.000 studenti le competenze necessarie per costruire le proprie app e dare vita alle proprie idee. 

Aspiranti sviluppatori e sviluppatrici provenienti da 66 Paesi hanno scelto questa città incredibile per inseguire i loro sogni di innovazione. Grazie alle conoscenze acquisite, i diplomati dell’Academy hanno creato app per aiutare le persone ad affrontare sfide che vanno da quelle profondamente personali, come l'Alzheimer, alle priorità globali come la sostenibilità. E l'impatto del programma continua a crescere.

La scorsa settimana, l'Academy ha dato il benvenuto a Napoli alla sua nuova classe di studenti e studentesse, un gruppo eterogeneo e di talento, unito dalla comune fiducia nel potenziale della tecnologia. Non vediamo l'ora di vedere le cose straordinarie che siamo certi realizzeranno.

L’intera esperienza ci ricorda quante cose meravigliose l’istruzione è in grado di ispirare. Ed esiste un posto migliore dell’Italia dove vivere questa esperienza?

Perché, come sapete, nel corso dei secoli, questo Paese ha prodotto grandi scoperte in molti importanti campi della conoscenza. Sfidando le convenzioni, scienziati, artisti, matematici e ingegneri italiani hanno sospinto l'umanità verso il futuro. E hanno dimostrato più volte che una grande idea può cambiare il mondo.

Questo è il tipo di innovazione a cui aspiriamo anche noi di Apple. 

Video

E credo che oggi sia più essenziale che mai.

Stiamo vivendo un momento storico cruciale. 

Dalla devastante guerra in Ucraina alla profonda incertezza che pervade l'economia globale…

Non c'è dubbio che ci troviamo davanti a sfide fuori dal comune. 

Eppure, questo è anche un momento di opportunità senza precedenti: è un momento in cui la promessa e il potenziale dell'innovazione crescono più rapidamente che mai. 

Negli ultimi anni, la pandemia ha cambiato profondamente il modo in cui viviamo e lavoriamo... il modo in cui ci rapportiamo agli altri e ci relazioniamo con il mondo. 

Nel frattempo, tecnologie nuove ed emergenti continuano a ridefinire ciò che è possibile. Sembra che ogni giorno ci siano nuovi esempi dell'impatto che la tecnologia può avere e dei problemi che può risolvere. 

(...)

Forse vi state chiedendo come potete assicurarvi che il vostro lavoro stia dalla parte del bene nel mondo.

Indipendentemente dal settore in cui lavorate o dagli obiettivi che vi siete prefissati, credo che la risposta sia sempre la stessa:

Innanzitutto, e soprattutto, lasciatevi guidare dai vostri valori.

Con questo concetto, lasciarsi guidare dai valori, intendo dire che dovreste prendere decisioni - grandi e piccole, ogni giorno - dopo aver ben compreso chi siete e in cosa credete. E dovreste cercare opportunità, ovunque le troviate, per promuovere le idee e i principi che vi stanno più a cuore. 

In Apple, questo è stato il nostro approccio fin dall'inizio. 

La nostra azienda è stata creata da un genio visionario, convinto che sia nostra responsabilità lasciare il mondo migliore di come lo abbiamo trovato. E a motivarci è soprattutto il desiderio di migliorare la vita delle persone.

Non è un'impresa semplice. Non esiste un modello perfetto che ci guidi, né un know-how tecnico che ci garantisca il successo. 

Sebbene le possibilità offerte dall’innovazione siano entusiasmanti, sono anche virtualmente infinite, il che significa che dobbiamo scegliere dove investire il nostro tempo e la nostra energia. 

Si tratta di decisioni estremamente importanti. Non solo per Apple, ma per chiunque voglia innovare o fare la differenza nel mondo. 

Perché le sfide che dobbiamo affrontare richiedono la collaborazione di tutti noi per essere risolte.

Perché le tecnologie che creiamo avranno un impatto su tutti noi. 

E perché il futuro che costruiamo riguarda tutti noi. 

Per questo, nel perseguire l'innovazione in Apple, affrontiamo ogni scelta mettendo costantemente al centro i nostri valori.

Crediamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale, quindi innoviamo per dare alle persone un maggiore controllo sulle loro informazioni personali. Creiamo funzioni per proteggerle da tracciamenti indesiderati e progettiamo i nostri dispositivi per garantire la sicurezza dei loro dati. E continuiamo a richiedere regolamentazioni severe a protezione della privacy in tutto il mondo. 

Crediamo che non ci sia niente di più importante del salvare una vita, e niente che renda più liberi di essere in buona salute, perciò, innoviamo per aiutare le persone a vivere meglio e più a lungo.

Crediamo che l'accessibilità sia essenziale per costruire un mondo più equo, quindi innoviamo per supportare le persone che hanno difficoltà legate alla vista, all’udito e alla mobilità. E siamo costantemente alla ricerca di modi nuovi e migliori per aiutare gli utenti con disabilità a sfruttare al meglio la nostra tecnologia. 

E sono sempre i nostri valori a guidare il nostro impegno contro il cambiamento climatico. 

Non occorre guardare lontano per rendersi conto dell'urgenza di questa sfida. Dalle ondate di calore letali in Europa e altrove, alle inondazioni catastrofiche in Pakistan e, proprio di recente, in Italia, le conseguenze del cambiamento climatico sono impossibili da ignorare.

E noi di Apple siamo determinati a fare la nostra parte. 

Da oltre due anni siamo carbon neutral in tutte le nostre attività globali. E ci siamo posti l'ambizioso obiettivo di estendere questi progressi all'intera catena di fornitura e al ciclo di vita dei nostri dispositivi entro il 2030. 

Oggi i nostri team in tutto il mondo sono impegnati in un massiccio sforzo multiforme per affrontare questa sfida non solo con l'innovazione, ma anche con le partnership. 

Sappiamo che i passi avanti fatti da Apple, per quanto grandi, saranno molto più significativi se porteranno a un'azione collettiva più ampia. 

Questo è il motivo per cui non ci limitiamo solo a far funzionare i nostri uffici con il 100% di energia rinnovabile, ma lavoriamo con i nostri fornitori per aiutare anche loro a passare all'energia pulita. 

Non ci limitiamo a progettare i nostri nuovi prodotti in modo che siano migliori per l'ambiente, collaboriamo anche con gruppi no-profit per promuovere la coltivazione di foreste sostenibili e rimuovere il carbonio dall'atmosfera terrestre. 

Non ci limitiamo a investire in tecnologie di riciclo all’avanguardia, collaboriamo anche con partner di diversi settori per promuovere innovazioni che trasformino i metodi produttivi della tecnologia, non solo in Apple, ma ovunque. 

E ci auguriamo che questo incoraggi altre aziende a pensare in modo più audace ai loro possibili risultati, per essere come un’onda nello stagno che ispira un cambiamento molto più vasto.

(...)

Agli studenti presenti, lasciatemi dire questo: 

So che oggi il futuro può sembrare incerto. 

Ma non posso fare a meno di sentirmi ottimista. Perché ovunque io guardi, vedo del potenziale. Lo vedo qui a Napoli, lo vedo in questa straordinaria università e lo vedo soprattutto in voi.

Sì, il nostro mondo è complesso, e lo diventa ogni giorno di più.

Ma, per citare un matematico italiano: "Quando le cose diventano troppo complicate, qualche volta ha un senso fermarsi e chiedersi: ho posto la domanda giusta?".

Spero che l’aspirante innovatore o innovatrice che è in tutti noi faccia tesoro di questa saggezza. Avete posto la domanda giusta? State lasciando che siano i vostri valori a guidarvi verso la risposta giusta?

Perché oggi non è sufficiente chiedersi come le persone possano migliorare la tecnologia, se non ci chiediamo anche come la tecnologia possa migliorare la vita delle persone. 

Come possa consentire scoperte che aprono la strada a nuove medicine e cure. E come possa stimolare la creazione di musica e arte che guariscono le nostre anime. 

Come possa rendere l'istruzione più efficace e più accessibile a chi ne ha più bisogno. E come possa rendere l’istruzione un miglior generatore di opportunità e prosperità per tutti. 

Come possa contribuire a rafforzare i legami che ci sostengono. Ma anche contribuire a costruire un mondo più equo e vivibile per le generazioni a venire.

In Apple crediamo che la tecnologia può fare tutte queste cose. 

Se ci lasciamo guidare dai i nostri valori, crediamo che chi fa innovazione in Italia e nel mondo possa contribuire a inaugurare una nuova era di possibilità.  

E crediamo che, insieme, saremo davvero in grado di creare un futuro migliore per le persone che serviamo... per il pianeta che abitiamo... e per l'umanità stessa.

Grazie mille

© RIPRODUZIONE RISERVATA