Addio Banco di Napoli, Napolitano esprime ​«rammarico e preoccupazione»

ARTICOLI CORRELATI
  • 357
«La piena integrazione, già in atto da tempo, del Banco di Napoli nella struttura di Banca Intesa San Paolo ha risposto a esigenze incontestabili di razionalità ed efficienza. Nel momento in cui si è ritenuto che il soddisfacimento di tali esigenze, in un contesto molto difficile per l'intero sistema bancario italiano, si debba spingere fino al punto di cancellare, almeno sul piano giuridico-formale, lo storico istituto di credito del Mezzogiorno, non posso non esprimere rammarico e preoccupazione». Lo dichiara il Presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano.

«Ritengo -continua il senatore a vita- che si debba rendere omaggio alla storia del Banco, che ha costituito una grande realtà rappresentativa dei ceti produttivi e del popolo dei risparmiatori delle regioni meridionali, dando - pur tra non pochi alti e bassi - contributi essenziali nel contrastare lo squilibrio tra Nord e Sud, ovvero la principale tara dello sviluppo nazionale. Non vorrei che questo doloroso commiato riflettesse un ulteriore indebolimento dell'attenzione e della comprensione, a livello nazionale, per gli attuali ancor oggi così gravi problemi di Napoli e del Mezzogiorno», conclude Napolitano.
Venerdì 23 Novembre 2018, 18:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP