Albo dei rifugiati, il patto
fra 5Stelle e la maggioranza

di Elisabetta Froncillo

Da oggi il Comune di Pozzuoli ha un albo per i richiedenti protezione internazionale. Un atto arrivato ieri in consiglio comunale su proposta dell'opposizione, presentato da Raffaele Postiglione (Pozzuoli Ora) e approvato da tutta la maggioranza del sindaco Vincenzo Figliolia in netto contrasto con le decisioni della politica nazionale. Un elenco che vede anche il Movimento 5 Stelle di Pozzuoli a favore.

L'ACCOGLIENZA
Si tratta di un registro per consentire ai rifugiati un riconoscimento della loro presenza, passato con il solo voto contrario di Forza Italia. Il Movimento 5Stelle ha scelto la via dell'apertura agli immigrati. «Nonostante siamo alleati di governo della Lega e per contratto abbiamo dovuto portare avanti il decreto sicurezza, ingoiando cose che non volevamo - ha spiegato Antonio Caso, capogruppo dei pentastellati - io ribadisco di non essere né la Lega né Salvini. Abbiamo altre idee sull'immigrazione e siamo assolutamente favorevoli all'albo». «Assolutamente soddisfatto che sia arrivata l'approvazione della nostra proposta - ha affermato Postiglione - Da Pozzuoli un segnale in difesa di valori e diritti imprenscindibili nonché di difesa della nostra Costituzione». Un passo in tema di diritti civili che vede la città flegrea nuovamente protagonista: era il 2012 quando, ancor prima della legge nazionale, si istituì il registro per le unioni civili.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 16 Marzo 2019, 08:59 - Ultimo aggiornamento: 16-03-2019 09:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-03-16 12:44:08
ovunque ci sono servi e traditori, rifugiati politici non esistono tra quelli che arrivano, in Italia. Terroristi di Boko haram, pusher, e criminali vari dall´africa . Quelli che hanno bisogno di aiuti veri non hanno migliia di dollari per pagarsi la traversata, con I-Phne e vestiti marcati.

QUICKMAP