​Annunziata non è più sindaco:
il segretario Pd sfiduciato a Poggiomarino

Venerdì 21 Febbraio 2020 di Francesco Gravetti
Leo Annunziata, segretario regionale del Pd e fedelissimo del governatore Vincenzo De Luca, non è più il sindaco di Poggiomarino. La sua esperienza (si trattava comunque del secondo mandato) termina con oltre un anno di anticipo: stasera nove consiglieri comunali su sedici in totale hanno firmato le loro dimissioni dinanzi ad un notaio. Il documento con le dimissioni è stato mandato via pec al protocollo del Comune mentre domani – o al più tardi lunedì – sarà portato anche direttamente negli uffici del municipio. In questo modo viene sciolto l’intero consiglio comunale e si apre la strada all’arrivo del commissario prefettizio.

LEGGI ANCHE Regionali Campania 2020, la direzione Pd ufficializza la scelta: «Il nostro candidato è De Luca»

Insieme al voto di sfiducia, infatti, le dimissioni contemporanee della maggioranza dei consiglieri rappresentano l’atto che può portare alla fine anticipata di una consiliatura. Termina, dunque, anzitempo il secondo mandato di Leo Annunziata, il sindaco filosofo che fu eletto la prima volta nel 2011, quasi nove anni fa. Nel 2016 il bis, con la vittoria di Annunziata al ballottaggio contro il forzista Maurizio Falanga. Poi l’ascesa politica: l’amicizia e la consonanza di intenti con Vincenzo De Luca si tramutò nella elezione a segretario regionale del Pd, avvenuta a marzo del 2019. Il doppio incarico, però, è durato poco: un anno dopo il successo con i dem, Annunziata deve prendere atto di non aver più la maggioranza nella sua Poggiomarino. Le urne, comunque, sono vicine: si farà in tempo a votare la prossima primavera, anche se dopo due mandati Annunziata non potrà più ricandidarsi a sindaco.Ultimo aggiornamento: 22 Febbraio, 07:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA