Arzano, la minoranza abbandona l'assise in segno di protesta: «Pronti a chiedere un incontro al prefetto»

Arzano, la minoranza abbandona l'assise in segno di protesta: «Pronti a chiedere un incontro al prefetto»
di Rosaria Rocca
Martedì 6 Settembre 2022, 17:29
3 Minuti di Lettura

Aria tesa in consiglio comunale ad Arzano. Il clima tra maggioranza ed opposizione non accenna a migliorare e in nove sono pronti a chiedere un incontro al prefetto di Napoli Claudio Palomba

Nel corso dell’ultima Assise, hanno abbandonato la seduta in segno di protesta. Sono decisi ad ottenere risposte concrete i consiglieri comunali di opposizione: Salvatore Borreale, Luigi De Rosa, Nicola Falzarano, Ageo Piscopo, Marco Emanuele Rega, Natale Russo, Giuseppe D’Angelo, Luisa Auletta e Gennaro Ferone

La minoranza si è soffermata non solo sull’aspetto politico, ma anche sulla vivibilità della città: «Spesso, ci chiediamo a cosa serve la politica e quale sia il ruolo dei consiglieri comunali. Poi ci chiediamo anche cosa sia cambiato ad Arzano nel corso dell'ultimo anno. Facendo un giro per la città e verificando le condizioni generali, tutti possono accorgersi della situazione peggiorata. Abbiamo chiesto di mettere in campo un’operazione verità e trasparenza nell'interesse della città di Arzano. Abbiamo offerto la nostra collaborazione e le nostre competenze, ma purtroppo dall'altra parte c'è un muro di gomma. Ogni forma di dialogo e confronto è stato boicottato ed hanno preferito attuare una chiusura totale alle forze politiche di opposizione. La sindaca e gli assessori non si sono degnati di rispondere alle numerose interrogazioni fatte». 

Altro elemento sottolineato dalla minoranza riguarda le tariffe: «È stato presentato un conto salatissimo alle famiglie e alle imprese di Arzano costrette a pagare un prezzo altissimo, dovuto all'aumento delle tasse e delle tariffe comunali (Imu, Tari, canone acqua, addizionale comunale Irpef,  occupazione di suolo pubblico, mensa scolastica). Queste ed altre sono le ragioni della nostra protesta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA