Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Attuazione del Pnrr, via al protocollo d’intesa tra Città Metropolitana e Comune di Napoli

Venerdì 25 Febbraio 2022
Attuazione del Pnrr, via al protocollo d’intesa tra Città Metropolitana e Comune di Napoli

Nell'ottica del rafforzamento della capacità amministrativa funzionale all'attuazione del Pnrr è stato approvato, questa mattina, dal Sindaco Metropolitano, Gaetano Manfredi, un protocollo d’intesa che prevede lo scambio di buone prassi e l'adozione di modelli comuni di azione amministrativa, oltre all’implementazione e alla valorizzazione sinergica del ruolo e delle attività dei due Enti. In programma l’istituzione di tavoli tecnici congiunti, la costituzione di gruppi di lavoro e lo scambio di informazioni e conoscenze. L’accordo ha una durata di tre anni e non comporta oneri finanziari.

Il sindaco metropolitano, Gaetano Manfredi, ha approvato questa mattina, con propria deliberazione, il Protocollo d’intesa di cooperazione istituzionale tra la Città Metropolitana e il Comune di Napoli per lo scambio di buone prassi e l'adozione di modelli comuni di azione amministrativa, con l’obiettivo di implementare e valorizzare in modo sinergico il ruolo e le attività dei due Enti, anche nell'ottica del rafforzamento della capacità amministrativa funzionale all'attuazione del Pnrr.

Video

In particolare, l’accordo prevede l’istituzione di un tavolo tecnico per la definizione di soluzioni organizzative idonee ad assicurare la necessaria collaborazione istituzionale, la condivisione delle conoscenze e delle informazioni utili a garantire il coordinamento e la continuità tra i due livelli di pianificazione, l’analisi dei modelli di semplificazione e omogeneizzazione dell’azione amministrativa in ambito metropolitano, lo scambio delle migliori pratiche, l’eventuale istituzione di gruppi di lavoro con professionalità dei rispettivi Enti.

Inoltre, si farà ricorso ai rispettivi uffici per le funzioni di centrali di committenza, validazione di progetti e altre attività, ivi comprese quelle riconducibili al Soggetto Aggregatore individuato dall’Anac, e si procederà alla promozione di iniziative congiunte per la cittadinanza digitale e l’e-inclusion per lo sviluppo di strumenti digitali specializzati per l’e-democracy. Il Protocollo d’Intesa avrà una durata di tre anni, è a titolo non oneroso e non comporta impegni finanziari a carico dei due Enti.

LEGGI ANCHE Ordinanza movida, il Tar dà ragione a Manfredi 

L’Accordo nasce dalla considerazione condivisa secondo cui risultino fondamentali il coordinamento di azioni attuative congiunte e lo sviluppo di adeguate forme di cooperazione istituzionale tra Città Metropolitana e Comune di Napoli, in particolar modo alla luce dei compiti e delle funzioni previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e dalle politiche di coesione dei fondi dell’Unione Europea.

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA