Bitcoin al Comune, è già bagarre: non convince il nodo dei pagamenti

di Luigi Roano

4
  • 31
Contrordine, Palazzo San Giacomo non si sostituirà alla tipografia dello Stato e non batterà moneta. Può stare tranquillo anche Mario Draghi, presidente della Bce. «Capisco che legittimamente si è fatta molto ironia ma è chiaro che Napoli non batterà una sua moneta, non si può fare. L'idea è quella dei bitcoin». Dunque la criptomoneta sbarcherà a Napoli, e magari sarà usata come kriptonite contro la Corte dei Conti. Ironia a parte, in Comune si fa sul serio. Nonostante a oggi non si ha notizia di nessuna amministrazione dello Stato che possa utilizzare i bitcoin come moneta per le transazioni. Anzi, non si può. Da qui i dubbi e le critiche che arrivano da più parti.

Nella sostanza i bitcoin sono denaro ma non una moneta e questo li fa considerare volatili e non molto trasparenti. Tuttavia sono ormai dieci anni che stanno avendo un grande successo, è denaro sottratto al controllo delle banche e dunque free, senza commissioni. I bitcoin si comprano su un'apposita piattaforma e si possono scambiare e utilizzare per acquistare finanche case. Più concretamente il bitcoin si basa sulla fiducia e risponde a una sola legge: quella della domanda e dell'offerta che ne fa salire il valore in maniera vertiginosa, è diventato un bene rifugio oltre che una speculazione tanto che ci sono agenzie e bancomat che li convertono in euro. Cosa c'entra il Comune in tutto questo? «Noi vogliamo fare i facilitatori, vale a dire incentivare l'utilizzo dei bitcoin e mettere Napoli su di un mercato mondiale in grande espansione, vogliamo attrarre investimenti, ma sia chiaro Palazzo San Giacomo non copre nessuna operazione» racconta l'assessore alle Finanze Enrico Panini. «Cercheremo il modo - conclude l'assessore - di fare associare persone sul territorio».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 21 Settembre 2018, 09:19 - Ultimo aggiornamento: 21-09-2018 10:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-09-21 13:17:09
Il resto del mondo sta iniziando a vietare le transazioni in bitcoin e altre criptovalute in quanto non tracciabili e anonime e il nostro Sindaco ne delibera l'uso agevolato. Come al solito siamo indietro di 10 anni... Inoltre nulla questa decisione potrà portare come entrate a copertura del debito, come pomposamente annunciato la settimana scorsa.
2018-09-21 13:17:03
Siamo al limite del ridicolo....
2018-09-21 12:47:32
Fuffa... aria fritta.... e poi come si ci si può fidare dei consigli (addirittura finanziari!!) di una amministrazione che non sa neanche assicurare il minimo indispensabile alla città... ormai in preda alla più assoluta anarchia in tutti i suoi settori....
2018-09-21 11:22:27
con i bitcoin c'è rischio di investimenti legati al riciclaggio

QUICKMAP