Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bagnoli, 89 milioni per la bonifica: «Svolta per il futuro della città»

Venerdì 1 Luglio 2022
Bagnoli, 89 milioni per la bonifica: «Svolta per il futuro della città»

l via due gare da 86 milioni di euro per bonificare il parco dello sport e il lotto fondiarie a Bagnoli. Le procedure partiranno oggi, venerdì 1° luglio, nell'ambito del programma di risanamento ambientale e di rigenerazione urbana del sin Bagnoli-Coroglio. L'appalto per il lotto fondiarie, del valore di oltre 71 milioni di euro, prevede l'affidamento dei servizi tecnici di progettazione esecutiva e i servizi e i lavori per la bonifica dell'area. Rientrano nell'appalto le attività di: trattamento di parte dei terreni con tecnologia di bonifica chimico-fisica (desorbimento termico), applicazione di capping in specifiche sub-aree, attività di controllo e monitoraggio delle aree di bonifica, post certificazione da parte degli enti di controllo.

Anche l'appalto per il parco dello Sport, del valore di oltre 14 milioni di euro, prevede l'affidamento dei servizi tecnici di progettazione esecutiva e dei servizi e lavori di bonifica. Rispetto a quanto previsto per il lotto fondiarie, è aggiunta l'applicazione della tecnologia di trattamento di parte dei terreni con bonifica biologica del tipo «bio-phytoremediation».

Video

Il sindaco Gaetano Manfredi, commissario straordinario di governo su Bagnoli, parla di «passo molto rilevante per realizzare finalmente il programma di bonifica del sito. Due lavori fondamentali per costruire concretamente il futuro di Bagnoli nell'ottica del risanamento ambientale e dell'apertura alla città». Gli interventi per i due lotti puntano a eliminare l'inquinamento delle matrici ambientali o a ricondurre le concentrazioni delle sostanze inquinanti in suolo, sottosuolo, acque sotterranee e superficiali, entro i valori soglia di contaminazione (Csc) stabiliti per la destinazione d'uso prevista o ai valori di concentrazione soglia di rischio (Csr) definiti in base a una metodologia di analisi di rschio condotta per il sito specifico sulla base dei criteri dettati dalle norme. Per entrambe le gare il termine per la presentazione delle offerte è fissato per il 13 settembre 2022. Tutti i dettagli sono disponibili sulla piattaforma gare telematiche di Invitalia.

Ultimo aggiornamento: 12:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA