Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Polemica Manfredi-de Magistris, il sindaco: «Sono i fatti che contano: ha lasciato la città piena di debiti»

Giovedì 22 Settembre 2022 di Emma Onorato
Gaetano Manfredi e Luigi de Magistris

Un botta e risposta tra l'attuale sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, e il suo predecessore Luigi de Magistris. Quest'ultimo non ha riservato buone parole nel commentare il primo anno in carica del primo cittadino. Il leader di Unione popolare definisce Napoli come una città a cui «è stata tolta l'anima» e che «non ha una guida», poi prosegue con un preciso riferimento all'attuale sindaco: «Manfredi non si vede in città, non si sa quale sia il suo pensiero, non ha un'idea di città e non c'è un progetto che possa dire di essere di questa amministrazione». A queste accuse Manfredi si difende ricordando che: «Sono i fatti che rispondono. De Magistris ha lasciato una città sfasciata, piena di debiti, e con dei disastri che sono difficilmente raccontabili». Così il sindaco - a margine della presentazione del Festival di Spinacorona - contesta le parole del suo predecessore, dando poco adito alle accuse ricevute ma mettendo l'accento sul fatto che il vero interesse di de Magistris risiede nella campagna elettore: «Lui pensa alla sua carriera politica, non ha alcun interesse per la città», afferma il sindaco ribadendo che la visione della nuova amministrazione è quella «di dare un futuro a Napoli perché è quello che i cittadini vogliono».

Video

De Magistris - durante le sue dichiarazioni - ha rivendicato con forza la paternità di diversi progetti: «Non consentiamo a nessuno di scippare il nostro lavoro». Tra le iniziative di cui l'ex sindaco ha rivendicato la paternità ci sono - per citarne qualcuna - la messa in sicurezza delle partecipate che «il partito di Manfredi ci consegnò al collasso e al fallimento»; diverse opere pubbliche tra cui la riqualificazione del lungomare, i nuovi treni della metropolitana, la realizzazione dell'Ipogeo del Plebiscito, i lavori per riaprire il Molo San Vincenzo, il progetto della facoltà di professioni sanitarie a Scampia, i progetti inseriti e finanziati con il Pnrr e con il Contratto interistituzionale di sviluppo.

«Quello che l'attuale amministrazione si affretta ad annunciare - ha precisato - è l'onda lunga di quello che abbiamo fatto noi. Oggi la città, pur non avendo una guida, cammina perché ha imparato a muoversi anche da sola con autonomia e grande energia e partecipazione». Così de Magistris  sembra accusare Manfredi di una mancanza di visione, ma il sindaco controbatte  riaffermando con fermezza la sua vision su Napoli, ovvero «una città che funziona, con dei servizi efficienti, che abbia soprattutto credibilità a livello nazionale ed internazionale. Questo è quello di cui Napoli ha bisogno. Non è la città della confusione e dei debiti, è una città che aspira ad avere una sua dimensione europea», conclude Manfredi.

Ultimo aggiornamento: 23 Settembre, 08:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA