Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campania area gialla, De Luca tuona: «Ora provvedimenti rigorosi per il rispetto delle regole»

Martedì 10 Novembre 2020
Campania area gialla, De Luca tuona: «Ora provvedimenti rigorosi per il rispetto delle regole»

Vedo che sugli organi di informazione si è creata un’attesa di decisioni riguardanti la Regione Campania. La collocazione di fascia della Campania è già stata decisa ieri, a fronte della piena rispondenza dei nostri dati a quanto previsto dai criteri oggettivi fissati dal ministero della Salute. Ho sollecitato io un’operazione trasparenza, pubblica e in tutte le direzioni, per eliminare ogni zona d’ombra, anche fittizia. Dunque non c’è più nulla da decidere e da attendere». Così il governatore Vincenzo De Luca conferma la classificazione della Campania nella fascia gialla, quella con rischio moderato.  

Video

Nei prossimi giorni, però, di concerto con il ministero della Salute e il Viminale, De Luca dovrà elaborare misure di controllo più restrittive in vista del weekend: «Riconfermo altresì che sulla linea di rigore sempre seguita dalla Regione - spiega il governatore - solleciterò nelle prossime ore e nei prossimi giorni i ministeri dell’Interno e della Salute ad assumere provvedimenti rigorosi per il rispetto delle regole e per il contrasto all’epidemia. Non sono assoluamente tollerabili immagini come quelle del lungomare di Napoli, o di strade e quartieri abbandonati a se stessi, nei quali si continuano a violare le norme senza che nessuno di quelli che hanno il dovere di impedirlo muova un dito. Non è tollerabile che il lavoro straordinario fatto sul piano sanitario e ospedaliero, a tutela della vita delle persone, sia inficiato da un contesto ambientale che si muove nel segno della irresponsabilità istituzionale e comportamentale».

Ultimo aggiornamento: 23:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento