Regionali Campania 2020, Caldoro: «Rifare le Zes, così non funzionano»

Mercoledì 29 Luglio 2020

«Lo sviluppo si costruisce con idee chiare e semplificando. Senza innamorarsi di sigle e formule vuote. In questi anni abbiamo spesso sentito parlare di Zes, ma così come sono state immaginate non funzionano. Ed infatti sono solo sulla carta». Così Stefano Caldoro, candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Campania.
«Siamo in un momento cruciale per la nostra economia - aggiunge Caldoro - e servono decisioni drastiche. Le aree ad investimenti facilitati, con meno burocrazia e tasse più basse sono assolutamente utili, ma non possiamo limitarle solo geograficamente. Meno tasse e zero burocrazia sono i due pilastri su cui costruire la ripresa economica. Non possiamo confinarle a poche aree né costruire recinti amministrativi. Sulla carta si sono disegnate delle zone speciali, anche in Campania, senza una logica produttiva. Se abbiamo un'industria che produce cosa facciamo? Le chiediamo di spostarsi? Solo perché magari a pochi chilometri paga meno tasse?».

LEGGI ANCHE Lonardo lascia Forza Italia: «Passo al Gruppo Misto»

Secondo Caldoro «bisogna aiutare e sostenere le imprese a prescindere dalla zona di apparenza. Si finanzino settori produttivi e filiere modello cluster in Germania, chi ha voglia di rilanciare, crescere e creare lavoro. Le Zes si avviano al fallimento. Governo e Regione devono cambiare queste regole rigide. Ed invece Pd e M5S fanno solo propaganda sul nulla», conclude Caldoro.
 

Ultimo aggiornamento: 16:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA