Città della Scienza senza incassi: stipendi ridotti, scatta lo sciopero

Domenica 13 Settembre 2020 di Valerio Iuliano

I lavoratori di Città della Scienza sciopereranno domani. È l'esito dell'incontro svoltosi ieri tra le organizzazioni sindacali ed il presidente Riccardo Villari. Un'assemblea sul futuro della struttura di Bagnoli, dalla quale è scaturito lo scontro tra i lavoratori in forza alla Cgil e il leader di Città della Scienza. La goccia che ha fatto traboccare il vaso, secondo le Rsa di Filcams Cgil, è stata la comunicazione da parte del presidente dell'ente che non saranno corrisposti ai lavoratori gli stipendi del mese di agosto. Mentre Villari replica che «ai lavoratori sarà subito corrisposto un acconto, l'emergenza Covid ha determinato 1,5 milioni di euro di mancati incassi per i biglietti e tutti dobbiamo lottare per il futuro di Città della Scienza». I dipendenti protestano anche per la chiusura delle attività rivolte al pubblico. Ma lo stesso Villari spiega che «ci siamo calibrati sulle attività scolastiche e il Museo riaprirà il 24 settembre, in concomitanza con quella delle scuole».

LEGGI ANCHE Ict, Città della Scienza lancia Gps 

Al centro della disputa, la questione del risanamento di Città della Scienza. «Ci saremmo aspettati - scrivono le Rsa di Filcams Cgil - in questi mesi un piano di rilancio, ma così non è stato». Una tesi che Villari contesta con fermezza. «Abbiamo trovato, quando ci siamo insediati un anno fa, 16 milioni di euro di debiti e certo non dipende da noi. Da un anno a questa parte abbiamo lavorato con due obiettivi. Anzitutto, il risanamento di Città della Scienza eliminando gli sprechi e la ricostruzione. Meritiamo fiducia. Stiamo lavorando tutti insieme. La governance e i lavoratori devono andare tutti nella stessa direzione, mentre noi stiamo lavorando per immaginare la nuova Città della Scienza degli anni a venire». Per i lavoratori resta la necessità di discutere degli ammortizzatori sociali, con «criteri improntati all'equità ed al buon senso, contemperando i bisogni dei lavoratori e le esigenze dell'azienda, tenendo conto che un'eventuale discussione su questo punto sarebbe stata possibile solo dopo la certezza delle retribuzioni correnti e arretrate. Ma, a due ore dal termine dell'incontro, ci viene comunicato che non ci sarà corrisposto lo stipendio di agosto e che saremo di nuovo collocati in FIS senza alcun confronto sindacale. Per domani è indetto lo sciopero da inizio a fine turno con presidio e assemblea a Città della Scienza». Per Villari la questione delle retribuzioni deve essere affrontata in tutt'altro modo. «Siamo sempre stati puntuali nei pagamenti e abbiamo corrisposto anche stipendi arretrati. Per adesso pagheremo un acconto in quanto ci sono stati ritardi perché abbiamo dei mandati di pagamento da ricevere e i lavoratori lo sanno. In questo senso parlo di maggiore comprensione».
 


Al di là della querelle con i sindacati, Villari ribadisce il progetto di rilancio della struttura, dopo aver dovuto fronteggiare la mancanza del turismo scolastico, dal quale proviene una larga parte dei 200mila utenti annui. E nei prossimi mesi sono già in programma alcune importanti mostre. «Siamo pronti a riaprire - spiega l'ex senatore - ed era inutile farlo prima perché l'utenza non c'era. Ci siamo inventati un'offerta diversa. Non siamo stati aperti in modo tradizionale perché non c'era un'utenza tradizionale. Il Museo ha un'utenza scolastica. Città della Scienza viene da tanti anni di crisi. Ma ce la faremo a ripartire e nelle prime settimane di ottobre tireremo un sospiro di sollievo. Intanto, ci siamo riaperti al territorio, che prima vedeva Città della Scienza come una struttura troppo distante». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA