Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comunali 2022 a Pozzuoli scissioni e tensioni: carica di candidati per il dopo Figliolia

Domenica 15 Maggio 2022 di Gennaro Del Giudice
Comunali 2022 a Pozzuoli scissioni e tensioni: carica di candidati per il dopo Figliolia

Pochi partiti e una valanga di civiche, ben sedici su ventitré liste, e tre grandi assenti: Pd, Lega e Forza Italia. Cinque candidati a sindaco e un esercito di cinquecentoquaranta aspiranti consiglieri comunali, tra cui figurano il sindaco uscente e tre assessori. Sono i numeri che arrivano dopo il gong per la presentazione delle liste elettorali a Pozzuoli, che dopo cinque anni torna al voto (nel 2017 andarono alle urne in 39.918 su 66.163 aventi diritto) e al termine della doppia consiliatura targata Vincenzo Figliolia.

Dalla scissione del Pd sono nate due coalizioni di centrosinistra con altrettanti candidati a sindaco. Uno, Paolo Ismeno, attuale assessore al bilancio, conta sul sostegno di sette civiche e di Sinistra Italiana. Con lui c'è una parte del Pd che si è trasferita nella civica «Figliolia per la Città» messa in campo dopo il «no» della segreteria provinciale a concedere il simbolo del partito alla parte con la quale è candidato Figliolia, indagato nell'inchiesta sul Rione Terra. Alla coalizione si aggiungono anche Iniziativa Democratica, Progetto in Comune, Davvero Pozzuoli-Ecologia e Sviluppo, Insieme, Moderati per Pozzuoli e Democrazia e Libertà. Con Ismeno altri tre assessori sono candidati al consiglio comunale: Sensale, De Fraia e Gerundo. 

L'altro candidato uscito fuori dalla spaccatura tra i dem è l'attuale presidente del consiglio Luigi Manzoni che è sostenuto dall'altra metà del Pd confluita in Pozzuoli Democratica, dalle civiche Pozzuoli Libera, Uniti per Pozzuoli, Progressisti Democratici, Spazio Flegreo e da cinque partiti: Europa Verde, Noi con l'Italia, Partito Socialista Italiano, Azione e Noi di centro-con Mastella. 

Video

Il centrodestra sarà presente con Fratelli d'Italia che ha candidato a sindaco il coordinatore cittadino Paolo Guerriero. Correrà da solo anche il M5s che dopo l'alleanza lampo con il Pd e il centrosinistra, da cui è uscito proprio in seguito all'inchiesta sul Rione Terra, candida il consigliere comunale Antonio Caso, che cinque anni dopo ci riprova. Candidatura-bis anche per Raffaele Postiglione, anch'egli attuale consigliere di minoranza, che si presenta alle elezioni con la coalizione Possiamo formata da Pozzuoli Ora, Pozzuoli in Comune e Potere al Popolo.

Si voterà domenica 12 giugno nelle 69 sezioni, con l'eventuale ballottaggio il 26 giugno. 

Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 14:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA