Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Consiglio regionale della Campania, veto di De Luca su Nappi: niente presidenza della commissione anticamorra

Martedì 9 Febbraio 2021 di Adolfo Pappalardo
Consiglio regionale della Campania, veto di De Luca su Nappi: niente presidenza della commissione anticamorra

Alla fine, dopo mesi di stallo, vengono nominati i vertici delle commissioni regionali speciali. Anche se i veleni non si fermano. Tra la Lega che accusa il governatore De Luca per «un'inaudita invasione di campo» perché avrebbe messo veti su alcuni nomi e i veleni della grillina Muscarà perché estromessa, ieri mattina, dalla commissione Trasparenza.

Dopo quasi 5 mesi dal voto, ieri vengono insediate le cosiddette commissioni di controllo. Alla Trasparenza va Nunzio Carpertieri per Fdi, all'Anticamorra il leghista Giampiero Zinzi mentre alle Aree interne e Innovazione vanno due grillini: rispettivamente Michele Cammarano e Gennaro Saiello. Sembra tutto risolto e occorrerebbe mettersi solo al lavoro ma non è così. Perché alla fine lo stallo viene rotto solo dopo la marcia indietro della Lega che decide di proporre il nome di Zinzi al posto di quello del collega Severino Nappi. Da mesi, infatti, lo scontro si consuma sui nomi. Con un primo accordo tra il capogruppo Pd Mario Casillo e il capo dell'opposizione Stefano Caldoro che viene messo in discussione da De Luca. Il governatore, infatti, pone un veto su due nomi: sul consigliere grillino salernitano Cammarano ma, sopratutto, sull'ex assessore Nappi. Con l'ex sindaco di Salerno che sulla poltrona della Lega vorrebbe piazzare Gennaro Cinque (già passato dalla lista Caldoro al gruppo Misto) passato a dicembre con la maggioranza al momento della votazione del Bilancio. È uno stallo che dura mesi. Poi, ieri, improvvisamente si riesce a trovare un accordo anche se Nappi deve rinunciare mentre Cinque diventa segretario della commissione Innovazione e Sostenibilità.

«Solo grazie al senso di responsabilità della Lega, unita e compatta, di fronte a quella che riteniamo una inaudita invasione di campo da parte del presidente De Luca, sono state votate le Commissioni speciali. Con la disponibilità del capogruppo regionale Gianpiero Zinzi, al quale auguriamo buon lavoro, alla Lega va la presidenza della Commissione Anticamorra», attacca il coordinatore regionale del Carroccio Valentino Grant. Che aggiunge: «Superiamo una fase di stallo che durava da oltre due mesi per ingerenze senza precedenti da parte del governatore, su scelte discrezionali, quali la designazione dei propri rappresentanti nelle commissioni speciali, che da sempre spettano a ciascun partito. Per questo chiederemo l'intervento della Consulta di garanzia statutaria per far luce sui metodi adottati». Spaccati invece i grillini. Con la Muscarà, in polemica con i suoi colleghi di partito, che accusa di essere stata estromessa: «Non voto presidenti di commissione di Lega, Fi o Fdi». Cerca invece di ricompattare il gruppo la parlamentare grillina Anna Bilotti: «In commissione Aree interne c'è molto da lavorare». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA