Cotec Europa, vertice a Napoli con il re di Spagna e due presidenti

Venerdì 15 Marzo 2019 di Adolfo Pappalardo
Sono stati il presidente Sergio Mattarella e l'ex ministro Gino Nicolais a convenire subito su Napoli come location. E il 7 maggio, al teatro San Carlo, si terrà il simposio «Cotec Europa» alla presenza del re di Spagna Felipe VI, il presidente del Portogallo Marcelo Rebelo de Sousa e l'inquilino del Colle. «È un'occasione importante per rilanciare il tema dell'innovazione della pubblica amministrazione», spiega Nicolais, in qualità di presidente esecutivo di Cotec, la fondazione che si occupa di innovazione tecnologica e organizza l'evento con le «sorelle» Codec di Spagna e Portogallo.
 
Il tema centrale è «PA 4.0: Rethinking the Public Administration for a Digital World» e sarà l'occasione per uno scambio di esperienze, soluzioni e azioni, tra leader aziendali ed esponenti delle istituzioni dei tre Paesi. Che, poi, la giornata del San Carlo è solo il finale di una kermesse che inizia il 4 maggio e si sviluppa presso l'Apple Center di San Giovanni. «In quei laboratori si sta testando - spiega Nicolais - il programma Hackathon che, una volta operativo, permetterà ai cittadini di gestire direttamente i rapporti con la pubblica amministrazione e l'accesso ai servizi pubblici. È un'occasione importante perché con l'aiuto della struttura di San Giovanni rilanciamo il contributo della fondazione e delle aziende italiane». Il XIII Simposio COTEC Europa, organizzato dalle Cotec di Italia, Portogallo, e Spagna ritorna a Napoli dopo 11 anni. L'ultima volta, infatti, si tenne nel 2008 e in quei giorni Napoli sembrò tornare ai fasti dell'antica capitale di un tempo. Naturale, quindi, tornarci dopo oltre un decennio e usare come campo base la struttura dell'Apple center. «In queste settimane - continua Nicolais che nel 2008 portò sempre qui l'evento come ministro - si sta lavorando a nuove app per la pubblica amministrazione e saranno presentate proprio nei giorni del simposio. E focalizziamo tutto sulla Pa perché in un periodo di grande rivoluzione industriale-tecnologica, anche la Pubblica amministrazione deve affrontare un forte cambiamento». Per ora sia il presidente del Portogallo che il re di Spagna, oltre al presidente Mattarella ovviamente, hanno già assicurato la presenza il 7 maggio dove discuteranno gli esperti di innovazione digitale dei tre paesi. Oltre, ovviamente, ai tre presidenti dei Cotec di Italia, Spagna e Portogallo.

Attualmente nei laboratori dell'Apple center si sta testando il programma Hackaton che sarà presentato proprio a Napoli. Si tratta di un'unica app per dialogare con decine di uffici italiani. Dalle aziende sanitarie, per prenotare visite, pagare ticket e ricevere poi i referti, ai Comuni per richiedere semplici certificati, passando al pagamento delle tasse dei Municipi come Imu o Tari sino al bollo auto o ai certificati di proprietà di beni mobili o immobili. Sarebbe la famosa rivoluzione digitale sbandierata ma mai veramente attuata su grande scala. Non solo perché nei laboratori di San Giovanni a Teduccio verranno raccontate le storie di successo di scuole e aziende che hanno reso più facile la vita del cittadino con il professor Giorgio Ventre, docente di sistemi di elaborazione della Federico II, Teresa Alvaro, direttore generale dell'agenzia per l'Italia digitale e Giorgio De Rita, segretario generale Censis. © RIPRODUZIONE RISERVATA