Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

De Luca e l'autonomia differenziata: «Il progetto della Lega è un disastro per tutto il Mezzogiorno»

Venerdì 5 Agosto 2022
De Luca e l'autonomia differenziata: «Il progetto della Lega è un disastro per tutto il Mezzogiorno»

Nella campagna elettorale estiva c'è «un tema delicato per il Sud e la Campania: nel programma di Salvini c'è la questione decisiva dell'autonomia differenziata». Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso del suo ultimo appuntamento in diretta Facebook prima delle ferie.

«Anche la Regione Campania - ha ricordato De Luca - l'ha chiesta. Ma per alcuni colleghi del Centronord l'autonomia differenziata significa la compartecipazione al gettito fiscale. Alcuni colleghi governatori immaginano che ogni Regione compartecipi al 10% del gettito Iva. Visto che nel Nord l'introito è estremamente superiore rispetto al Sud, ciò significa la condanna a morte economica del Mezzogiorno. Già oggi la previsione Svimez sul 2023 è di una crescita economica del Sud di 6-7 decimali inferiore al Nord. Se vanno avanti su questo tema della Lega avremo un disastro a danno del Sud. Questo tema sia di importanza cruciale nelle decisioni degli elettori». 

Video

«Siamo al punto che di notte nel fine settimana nei luoghi della movida succede di tutto e sembra che lo Stato non esista. Mi hanno spiegato che i quindicenni vanno in giro con coltelli in tasca per fare guerre, scontri dopo essersi ubriacati con gli shottini - ha aggiunto de Luca - Bisogna avere i brividi addosso quando una ragazza o un ragazzo esce di sera nel week end, per quello che mi hanno raccontato i dirigenti degli ospedali su chi arriva al pronto soccorso. Un docente delle medie mi diceva della perquisizione ad alunni o alunne per vedere se hanno coltelli, alcune ragazze lo nascondono perfino nel reggiseno. Si sta diffondendo l'abitudine di alcuni rapper, che sembrano animali più che esseri umani, che fanno appello a chi balla perché si munisca del ferro, il coltellino. Per me se un rapper fa in discoteca l'invito a procurarsi il ferro deve essere mandato in cella». «Non sapevo cosa fosse lo shottino - dice - e mi hanno detto che in qualche realtà l'alcol ha soppiantato la droga: a 14, 15, 16 anni è diffusa l'abitudine a consumare bicchierini con super alcolici, gli shottini, appunto. Ma che vi possano ammazzare a chi li vende a 1 euro l'uno. Ti fai tre shottini e i ragazzi perdono lucidità, fanno risse, vanno in coma etilico. Questi fenomeni stanno diventando una norma che perde un'intera generazione. Noi genitori che spesso siamo più fessi dei figli dobbiamo imparare a controllare i figli, a verificare che non abbiano il ferro addosso». Per settembre - ha concluso - «pensiamo a una campagna di dialogo nelle scuole, con docenti che riprendano l'azione di trasmissione di valori per contrastare una situazione drammatica». 

Ultimo aggiornamento: 6 Agosto, 08:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA