De Luca: pioggia di milioni in arrivo
per la penisola sorrentina

di Ilenia e De Rosa e Ciriaco M. Viggiano

PIANO DI SORRENTO. Il sì di cinque dei sindaci della penisola sorrentina vale 300 milioni di finanziamenti. Il governatore Vincenzo De Luca, oggi in tour elettorale in Costiera, ha annunciato che la Regione finanzierà una lunga serie di progetti ritenuti strategici. A cominciare dal percorso meccanizzato tra la stazione di Sorrento e il porto di Marina Piccola, per la quale dovrebbero essere sborsati circa 15 milioni, per finire con l'ammodernamento degli ospedali.

«Tra due anni tornerò qui a illustrarvi le iniziative realizzate», ha detto il numero uno di Palazzo Santa Lucia prima di snocciolare cifre e progetti da mettere in cantiere nel settore dei trasporti, dell'ambiente e della sanità. Qualche esempio? Il collegamento tra la stazione e la marina di Vico Equense e l'ampliamento del pronto soccorso e della rianimazione dell'ospedale di Sorrento. In più, la Regione stilerà i progetti per la bonifica dei valloni della penisola sorrentina e sosterrà i programmi di ripascimento dei litorali, i lavori di separazione delle fogne e l'attivazione del depuratore di Punta Gradelle. «In penisola sorrentina porteremo a termine una vera e propria rivoluzione», ha detto De Luca prima di concludere l'intervento con un appello al voto in vista del referendum del prossimo 4 dicembre: «Resta una settimana, mobilitiamoci tutti per far approvare la legge Boschi e sburocratizzare l'Italia». Inevitabile qualche attacco politico agli avversari misto a battute ironiche. «È cominciata la crociata del calamaro» ha affermato il governatore facendo un chiaro riferimento all'esposto dei grillini sul suo precedente incontro con gli amministratori della Campania.
 

In precedenza, il presidente della Regione aveva assistito all'abbattimento del traliccio di Casarlano, a Sorrento: un'iniziativa che rientra nell'ambito dei lavori di elettrificazione avviati dalla società Terna. In totale saranno rimossi 60 chilometri di vecchi elettrodotti e 103 tralicci, posati 23,5 chilometri di linee hi-tech e 8 di cavi invisibili. Obiettivo? Garantire più energia ed evitare black-out che penalizzano famiglie e imprese. Successivamente il governatore aveva visitato l'ospedale di Sorrento raccogliendo le istanze di medici e infermieri: attivazione dell'emodinamica, assunzione di personale ausiliario e sblocco dell'iter di ammodernamento della rianimazione e del pronto soccorso.
Venerdì 25 Novembre 2016, 21:15 - Ultimo aggiornamento: 25-11-2016 21:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP