Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

De Magistris lancia «Dema»: sarà un movimento diverso. Il fratello, Clemente, Del Giudice, Della Ragione nel coordinamento

Giovedì 2 Febbraio 2017
De Magistris lancia «Dema»: sarà un movimento diverso. Il fratello, Clemente, Del Giudice, Della Ragione nel coordinamento

Un movimento politico «completamente diverso dai partiti e dal Movimento Cinque Stelle» con il quale «far convergere i tanti movimenti autonomi che dal Sud al Nord dell'Italia, in Europa e in altre parti del mondo stanno dimostrando con i fatti che esiste un nuovo modo di fare politica». È questa la definizione di «Dema» (Democrazia e autonomia) secondo il suo fondatore, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Il movimento, che fino a giugno sarà guidato da Claudio de Magistris, fratello del sindaco di Napoli, «vuole dialogare con i movimenti e non restare rinchiuso nelle liturgie del centrosinistra - spiega de Magistris - sono onorato se tanti in questi giorni pensano a me per quanto si agita nel Pd e nei pressi del Pd, ma non siamo interessati. Il nostro è un movimento popolare, non guardiamo dall'alto con supponenza ma queste cose non ci interessano. Non saremo un segmento che si aggiunge a qualcosa che si disgrega nel centrosinistra».
 


Inscindibile il rapporto tra il movimento e la città di Napoli: «Io vedo Napoli come un soggetto politico, una specie di partito - chiarisce de Magistris - oggi a Napoli c'è la novità importante della connessione tra chi rappresenta la città e chi è rappresentato, c'è una democrazia rappresentativa forte». De Magistris assicura che terminerà il mandato da sindaco, restando a Palazzo San Giacomo fino al 2021: «Finita l'esperienza da sindaco - sottolinea - sarò a disposizione per qualsiasi progetto di costruire una convergenza tra i movimenti popolari che vogliono cambiare il paese e cacciare mafie e corruzione dallo Stato. La madre di tutte le battaglie - conclude - è quella sulla questione morale».

L'assemblea dei soci di DemA ha quindi votato alla unanimità il nuovo Statuto, dopo la lunga relazione del sindaco Luigi de Magistris, che ha proposto i nomi dei componenti del coordinamento votati dalla maggioranza dei presenti nella sala della Domus Ars. A far parte del coordinamento saranno: Giuseppe Aragno, Maria Caniglia, Federico Ciancio, Alessandra Clemente, Raffaele Del Giudice, Josi Gerardo Della Ragione, Claudio de Magistris, Rosario Di Lorenzo, Mariano Di Palma, Anna Fava, Egidio Giordano, Chiara Guida, Simonetta Marino, Salvatore Pace, Enrico Panini, Carmine Piscopo, Flavia Sorrentino, Luigi Vivese. Lo Statuto sarà pubblicato sul sito www.dem-a.it In allegato il Manifesto politico.

 
 

Il movimento non parteciperà però alle prossime elezioni politiche, «soprattutto se si voterà già nel 2017», ma si misurerà con le prossime scadenze amministrative a partire dalle elezioni in almeno 4 Comuni della provincia di Napoli. E, passaggio fondamentale nel futuro del movimento, un candidato di «Dema» si presenterà alle elezioni regionali in Campania nel 2020. Le principali tappe del percorso futuro di «Dema» (Democrazia e autonomia) sono stati tracciate dal suo fondatore, de Magistris, in occasione dell'assemblea dei soci svolta oggi pomeriggio nella Domus Ars di via Santa Chiara, nel cuore del Centro antico di Napoli, che ha rappresentato il passaggio decisivo da associazione, nata un anno fa in vista delle amministrative e oggi primo gruppo in Consiglio comunale di Napoli, a movimento con tanto di coordinamento e segreteria organizzativa.

Nel 2020 la sfida a un'eventuale ricandidatura dell'attuale governatore Vincenzo De Luca non sarà portata avanti da de Magistris in persona, in quanto impegnato fino al 2021 come sindaco di Napoli e intenzionato «ad arrivare fino a fine mandato». Ma, ha aggiunto de Magistris, «è evidente che un movimento politico che vuole essere una grande novità nel paese si deve candidare per la Regione nel 2020. Sicuramente non saremo semplici cittadini che vanno a votare», ha assicurato. Intanto in primavera si voterà in 14 comuni della provincia di Napoli e «in 4 o 5» di questi il movimento «Dema» si presenterà sostenendo un candidato a sindaco. Un nome c'è già ed è quello di Josi Gerardo Della Ragione, il giovanissimo «sindaco blogger» che si ricandida a sindaco di Bacoli dopo aver terminato prematuramente il primo mandato con le dimissioni di 9 consiglieri comunali.

Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio, 11:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA