Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

LUIGI DE MAGISTRIS

De Magistris sulla “Pace proibita” di Santoro: «È ottima, fronte bellicista deve rassegnarsi»

Lunedì 2 Maggio 2022
De Magistris sulla Pace proibita di Santoro: «È ottima, fronte bellicista deve rassegnarsi»

«L’iniziativa organizzata stasera da Michele Santoro al Teatro Ghione di Roma, denominata “Pace proibita”, è ottima e va sostenuta. Parlare di guerra e libertà d’informazione è necessario, così come di guerra e propaganda. Michele Santoro in questo terreno non è secondo a nessuno ed è un solido punto di riferimento per il pensiero libero e plurale. È deprecabile il pensiero unico. E il fronte bellicista e guerrafondaio si deve rassegnare che esiste un fronte mondiale pacifista, vasto e in costante crescita. La mobilitazione popolare globale dovrà ampliarsi e fermare i signori della guerra prima che sia troppo tardi. Ognuno ha diritto di parola, di esprimersi, di poter condividere o dissentire.

La democrazia si nutre delle diversità. Dire no all’invio delle armi e alla corsa al riarmo non vuol dire essere putiniani. Del resto gli unici putiniani in Italia sono quei leader politici che nel governo e nella sua maggioranza guidano il fronte della guerra. Ci sarò stasera al Teatro Ghione. Per sostenere libertà, autonomia, indipendenza e pluralismo dell’informazione. Sempre autonomo, mai servo o subalterno, senza prezzo e senza padroni». Lo scrive stamani Luigi de Magitstris.

Video

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA