Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Campania, un collegio per Maresca. E Fdi lancia l'anti-fascista

Giovedì 18 Agosto 2022 di Valentino Di Giacomo
Campania, un collegio per Maresca. E Fdi lancia l'anti-fascista

Catello Maresca ad Aversa, Franco Silvestro per la Camera a Torre del Greco, Stefano Caldoro per il Senato a Napoli e, per Palazzo Madama, anche Gianluca Cantalamessa potrebbe correre a Torre del Greco. È iniziato il rally anche nel centrodestra per l'assegnazione dei collegi in Campania. La notizia positiva, almeno in casa Forza Italia, è che tra gli intricati meccanismi del rosatellum, Berlusconi possa decidere di correre in un solo collegio proporzionale del Senato liberando così un po' di spazi ai dirigenti locali. L'idea iniziale del Cavaliere era presentarsi come capolista davanti alla Bernini in Campania 1 e dietro la Bernini in Campania 2. La novità di giornata, anche per equilibri di coalizione in altre regioni, è che Berlusconi potrebbe rinunciare al secondo listino liberando così un posto più certo per un altro uomo nella logica dell'alternanza.

Il primo favorito potrebbe essere il coordinatore regionale uscente Domenico De Siano, che potrebbe essere inserito come terzo nel proporzionale di Campania 1 del Senato dietro Berlusconi e Annamaria Bernini e, poi, come secondo nel listino di Campania 2 alle spalle sempre di Bernini. Un seggio quasi certo per l'uscente deputato ischitano. L'altra novità è che il posto alle spalle di Berlusconi in Campania 1 potrebbe anche essere assegnato ad un'altra big, Stefania Craxi: se ne discute ai tavoli nazionali nell'ottica delle compensazioni. Si va via via componendo il quadro delle candidature anche nel centrodestra, anche se la guerra intestina in seguito al taglio dei parlamentari è forte tanto all'interno dei partiti che tra alleati di coalizione.



Spunta, nel mare magnum delle indiscrezioni dell'ultima ora, pure l'idea di Giorgia Meloni di candidare Giacomo Mancini junior. Profilo assai particolare quello di Mancini, già deputato dell'Ulivo e poi del Pdl di Berlusconi tra il 2001 e il 2009. Mancini è nipote e bisnipote d'arte perché suo nonno fu sindaco di Cosenza, mentre il suo bisnonno, Pietro, fu un esponente di primo piano del Partito socialista e mandato al confino per il suo impegno antifascista. Nel 2009, Mancini si candidò alle elezioni europee incassando ben 60mila preferenze, pur non risultando eletto. Ora il suo nome, dopo tanto girovagare tra destra e sinistra ma con un chiaro segno antifascista, è uno di quelli sul tavolo della leader di Fdi per un seggio in Campania o in Calabria. L'idea di Meloni è infatti mettere in piedi una folta pattuglia di dirigenti e militanti del partito (è stata richiesta la disponibilità ad una candidatura praticamente a tutti i consiglieri regionali), ma soprattutto trovare candidati che arrivano dalla società civile. Dopo anni di assenza dalla politica, Mancini è uno dei profili al vaglio, così come si attende sempre una risposta del direttore del Tg2, il napoletano Gennaro Sangiuliano, che potrebbe guidare il listino di Fdi del Senato.

Alacre anche il lavoro di Fulvio Martusciello in Forza Italia. L'idea è offrire la possibilità di lottare per un seggio ai suoi due consiglieri regionali Stefano Caldoro e Annarita Patriarca. Caldoro, con generosità, avrebbe accettato il difficilissimo collegio uninominale di Napoli città per il Senato dove sfiderà Valeria Valente. Per Patriarca potrebbe invece arrivare un posto nei listini del proporzionale, il suo collegio forte - quello di Torre del Greco - dovrebbe andare a Franco Silvestro, la sfida è tutta interna a Fi. Tra i papabili, ma per un collegio uninominale per la Camera, resiste il magistrato Catello Maresca. L'idea, in orbita Fdi quanto tra i centristi, è di inserirlo nel collegio di Aversa, lui però fa sapere di non aver ancora deciso. «Non ho dato - spiega - ancora alcuna disponibilità». In casa Lega, Cantalamessa avrebbe ottenuto il forte collegio per Palazzo Madama di Torre del Greco mentre Pina Castiello l'uninominale Camera - altrettanto blindato - di Eboli. Con il segretario Udc in arrivo nell'uninominale di Caserta, potrebbe invece restare appiedato lo storico forzista Carlo Sarro. Qualche chance potrebbe invece averla in qualche listino del proporzionale Antonio Pentangelo. Ma i giochi (e le guerre intestine) sono appena iniziati.

Ultimo aggiornamento: 10:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA