Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni 2022, Conte online con i campani: «Voto a M5S meglio che a Meloni e Pd, eroi i non ricandidati»

Domenica 31 Luglio 2022
Elezioni 2022, Conte online con i campani: «Voto a M5S meglio che a Meloni e Pd, eroi i non ricandidati»

I non ricandidati? Sono eroi. Parola dell'ex premier, avvocato e leader del Movimento 5 Stelle che, nel suo intervento con i 1600 iscritti campani all'incontro, non ha risparmiato accuse agli ex compagni di partito. «Abbiamo perso e perdiamo ancora in questi giorni e ore alcuni portavoce, si stanno staccando e cercano una collocazione, si sono attrezzati per muoversi e garantirsi un futuro politico da professionisti. Bene, auguri, andate tranquilli, liberi in pace, sereni con le vostre coscienze, ma non ci propinate veleni, non lo consentiamo». Così Giuseppe Conte alla riunione con gli attivisti del Movimento in Campania. Riferendosi a chi ha già fatto due mandati e quindi non si può ricandidare e allora lascia il M5S, dice: «Lasciate che propinino veleni i nostri avversari. Voi siate in silenzio con più discrezione e più dignità». 

Le alleanze

«Il sistema assurdo mediatico ci descrive confusi ma avranno ancora una grande sorpresa. Il nostro campo è giusto rispetto alla destra e al campo largo del Pd, il nostro è il campo del voto vero», ha aggiunto l'ex premier nel suo intervento alla riunione zoom degli attivisti del Movimento in Campania.

«Noi andiamo avanti - ha detto Conte - mantenendo gli impegni. Nella prossima legislatura ci sarò anche io in Parlamento e saremo tutti insieme ancora dopo aver governato con responsabilità, mostrando che sappiamo come muoverci e che siamo competenti e coraggiosi. Senza determinazione non tieni fede agli impegni perché il sistema ti spaventa e dileggia. Ma a noi non ci spaventa nulla. Ringrazio anche i tanti esponenti e amici che potremo ancora usare nel Movimento come Roberto Fico, il coordinatore della Campania Salvatore Micillo e tanti altri che non ci lasceranno: rimanete a fianco a noi e siete una grande testimonianza di senso di appartenenza e coerenza al principio. Siete eroi che dimostrate ancora ai cittadini l'importanza di votare il Movimento e impegnarsi». 

L'economia

«Con la nostra politica economica in questi anni abbamo portato l'Italia a quel +6,6% del Pil nel 2021, dovete dirlo e gridarlo forte, ricordando i 130 miliardi per le imprese e famiglie e il blocco dei licenziamenti nelle aziende in crisi», ha detto Conte. «Siamo stati l'unico Paese occidentale, insieme alla Spagna, - ha detto - in pandemia a bloccare i licenziamenti e a stare contro le politiche di destra neoliberiste, che non avrebbe mai fermato il licenziamento quando hai un blocco produttivo. Noi con quella misura abbiamo salvato 300.000 posti di lavoro. Cresciamo con una politica forte e rigorosa, coraggiosamente espansiva, dobbiamo dirlo perché possiamo chiedere un voto ai cittadini dicendo che vogliamo fare anccora di più, partendo dalla parità vera tra uomini e donne e maggiore lavoro per i giovani, continuando riforme a tratti anche rivoluzionarie».

Video

Conte ha sottolineato che: «Non abbiamo cercato - ha detto - questa scadenza elettorale, c'è una campagna vergognosa nei nostri confonti, con altre forze politiche che cercavano un colpevole e un capro espiatorio nel M5S, forza politica entrata in Parlamento per restare fedele a propri equilibri e valori, che ha mantenuto temi del 2018 in campagna elettorale». 

Gli eroi

In questa campagna elettorale «avremo al nostro fianco a supportarci molti che hanno finito il secondo mandato e non possono ricandidarsi, sono eroi», ha aggiunto il leader. «Alcuni sono andati via, cercano collocazione politica e ci attaccano. Possono risparmiarci le prediche, parlano con le stesse parole dei nostri avversari».

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA