Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni 2022, toghe in lista: le ipotesi da Matone a Maresca

Giovedì 11 Agosto 2022
Elezioni 2022, toghe in lista: le ipotesi da Matone a Maresca

Da Simonetta Matone, capogruppo in Campidoglio della Lega, a Catello Maresca, leader dell'opposizione al consiglio comunale di Napoli, passando per alcuni illustri ex, come Federico Cafiero De Raho, che sino al febbraio scorso ha guidato la procura nazionale antimafia.

Mentre si avvicinano i termini per la presentazione delle liste da parte dei partiti si infittiscono le ipotesi sui magistrati che potrebbero scendere in campo. Al Consiglio superiore della magistratura, che ha convocato una seduta ad hoc in pieno agosto per esaminare le richieste di aspettativa che i giudici devono presentare se intendono candidarsi alla tornata del 25 settembre, per ora tutto tace: al momento non è arrivata nessuna istanza. Ma c'è ancora tempo, visto che la riunione è stata fissata per il 19 agosto. Dei pochissimi magistrati già presenti in Parlamento, punta alla riconferma Cosimo Ferri, sottosegretario alla giustizia in tre governi, eletto nel 2018 alla Camera con il Pd e poi passato con Italia Viva.

Anche per l'ex sostituto Pg a Roma Matone non si tratterebbe di una nuova esperienza: è già stata candidata del centrodestra alle suppletive di Roma di gennaio, quando Roberto Gualtieri ha lasciato il suo seggio alla Camera. Sarebbe invece un debutto nella politica nazionale per Maresca, che ha un passato di pm anticamorra e che in tempi più recenti è finito al centro di polemiche per essere tornato a fare il magistrato durante il mandato di consigliere comunale. Con Italexit correrà la giudice onoraria di Pisa Lina Manuali che l'anno scorso ha assolto un uomo dall'accusa di avere violato uno dei Dpcm del governo Conte per essere uscito di casa durante la pandemia: l'ha annunciato qualche giorno fa Gianluigi Paragone. Nessuna ufficialità per Cafiero De Raho, alla cui candidatura penserebbe il leader M5s Giuseppe Conte. A Carlo Nordio, già procuratore aggiunto a Venezia, guarderebbe invece Giorgia Meloni, soprattutto per un ruolo nel futuro governo. Spera nel sostegno del centro-destra l'ex presidente dell'Anm Luca Palamara, attualmente sotto processo a Perugia, che ha già tentato senza successo l'elezione in Parlamento e che ora intende riprovarci in nome della battaglia contro l'uso politico della giustizia.

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA