Afragola svolta a destra: Grillo c'è,
Tuccillo silurato dal fuoco amico pd

Domenico Tuccillo
di Alessandro Urzì

AFRAGOLA - Vittima del fuoco amico il sindaco uscente, Domenico Tuccillo, capitola di fronte alla «corazzata» guidata dal candidato del centrodestra, Claudio Grillo. A determinare la sconfitta del candidato del centrosinistra è stata la decisione dell’ex primo cittadino di rinunciare all’apporto non solo dei deluchiani, capeggiati dal consigliere regionale Casillo, ma anche ad alcuni esponenti della sua ex maggioranza, come il leader locale di Dema, l’ex assessore Salvatore Iavarone, e i dissidenti del Pd, come Vincenzo Concas, l’ex assessore Giuseppe Affinito e l’ex consigliere, Biagio Montefusco. 

Dai primi dati dello spoglio, Grillo si è attestato sul 58%, per cui si profila una vittoria netta, al primo turno, del candidato sindaco del centrodestra, Claudio Grillo, appoggiato da tre partiti (Fi, Lega e Fratelli d’Italia) e sette civiche. Dopo circa la metà di sezioni su 54, scrutinate l’imprenditore del settore abbigliamento ha un vantaggio sul suo diretto rivale, il sindaco uscente del centrosinistra, Domenico Tuccillo, sorretto dal Pd e da sette liste civiche, di circa 23 punti percentuali, mentre il candidato del M5S, Michele Bencivenga, appoggiato solo dai pentastellati, si attesta al terzo posto con circa l’8% di consensi. 
Lunedì 11 Giugno 2018, 02:18 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2018 02:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP