Elezioni Campania 2020, Berlusconi lancia Caldoro ma arriva subito lo stop di Lega e Fdi

Mercoledì 13 Novembre 2019

Caos centrodestra. È durata meno di 12 ore la «candidatura condivisa con gli alleati» di Stefano Caldoro a governatore della Campania. Lega e Fratelli d'Italia hanno infatti stoppato Silvio Berlusconi, che ieri sera - in chiave chiaramente anti-Carfagna - aveva annunciato la scelta dell'ex governatore come candidato del centrodestra per succedere a Vincenzo De Luca.

LEGGI ANCHE Caldoro raccoglie la sfida: «Al lavoro per un grande centrodestra»

Nessun commento ufficiale da parte di Caldoro. «Ho ringraziato il presidente Berlusconi - ha detto, parlando con i suoi collaboratori e i dirigenti in queste ore - Adesso a lavoro per un centrodestra unito allargato con esperienze e liste civiche». Caldoro è già a lavoro in vista del nuovo impegno, fanno sapere dal suo entourage. I giochi, però, non sono affatto chiusi.

LEGGI ANCHE Troppe indecisioni: così Berlusconi spinge Carfagna verso il gruppo misto

«Sul nome del candidato non ci risulta si sia chiuso alcun accordo. L'intesa che c'è è che in Campania sia Fi a dover individuare il nome del candidato però non c'è nulla di deciso. Così come per la Puglia e le Marche spetta a Fdi indicare il nome», avvertono da Fratelli d'Italia. Stessi toni dalla Lega: «La Lega sta ragionando di programmi e squadra, il dibattito sui candidati governatori verrà dopo». Lo stesso sindaco di Benevento Clemente Mastella esprime dubbi annunciando una propria lista autonoma: «Nonostante la designazione di Berlusconi per Caldoro - spiega - continuo a sostenere le primarie come strumento necessario per la scelta o la convalida di una indicazione. Non discuto mai le persone ma il metodo che non condivido. In Campania non sarà semplice vincere. Per quanto mi riguarda presenterò una mia lista».

 

Ultimo aggiornamento: 14 Novembre, 06:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA