Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bagnoli, quartiere blindato per il comizio di chiusura di FdI con Meloni, Iskra insorge: «Chi è che lede la libertà altrui?»

Venerdì 23 Settembre 2022
Bagnoli, quartiere blindato per il comizio di chiusura di FdI con Meloni, Iskra insorge: «Chi è che lede la libertà altrui?»

«Da subito dopo l'annuncio di Fratelli d'Italia di tenere il comizio di chiusura della campagna elettorale di Giorgia Meloni all'Arenile di Bagnoli, il quartiere vive una militarizzazione senza precedenti. Chi è che lede la libertà altrui?»: così in un post su Facebook il Laboratorio politico Iskra.

«Ci arrivano foto dei residenti e dei commercianti di piazza Bagnoli obbligati a lasciare libero il passaggio e il posto per i blindati in piazza, pena multe e rimozione dei mezzi. Si prevedono disagi per il trasporto pubblico, considerato che la piazza accoglie vari plessi scolastici (elementari, medie e licei) ed è uno snodo tra Coroglio, Bagnoli e Pozzuoli molto affollato proprio a ora di pranzo. Ma se Giorgia Meloni avesse voluto tenere un comizio tranquillo, perché non è lo ha fatto nelle sue roccaforti elettorali ed ha preferito venire a provocare un quartiere dove la destra ha sempre raccolto solo briciole? Che senso ha blindare Bagnoli e tenere gli abitanti in ostaggio della campagna elettorale per permettere a 30 pullman, provenienti da Caserta e Salerno, di sventolare le bandiere di fronte alla loro leader?».

Gli attivisti del Laboratorio politico Iskra ricordano che «giorni fa abbiamo pubblicamente dichiarato che questa iniziativa è una trappola e una provocazione. E la stessa Meloni che desidera ardentemente lo scontro con i contestatori, per raccogliere l'ultimo briciolo di clamore in vista della votazione domenicale. Saremo a Bagnoli, nel quartiere che ci vede presenti e attivi tutti i giorni e non solo a qualche ora dalla conclusione della campagna elettorale, nelle modalità che non piaceranno di certo alla nuova leader della destra, già incensata da tutta la galassia fascista napoletana. Perché, Giorgia, come già sanno Renzi e Salvini che ci hanno provato in passato: a Bagnoli cadono tutti».

Video

Ultimo aggiornamento: 14:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA