Fico e le elezioni a Napoli: «Garantiti da Manfredi. Lista dissidenti? Tanti auguri»

Lunedì 6 Settembre 2021
Fico e le elezioni a Napoli: «Garantiti da Manfredi. Lista dissidenti? Tanti auguri»

«Ci sentiamo totalmente garantiti da Gaetano Manfredi, una persona di eccezionale valore.» Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico, intervenuto a Napoli alla presentazione dei candidati del M5S al Rione Sanità. « Terrà in piedi una coalizione che, in ogni caso, sta lavorando bene».

 

«Avere all'interno della lista persone di valore - ha aggiunto Fico - come Francesca Menna, che è stata sempre vicina a noi e che ho fortemente voluto in lista, è un valore aggiunto. Avere persone di valore all'interno è un ottimo inizio», ha concluso il presidente della Camera. Quanto alla lista presentata dai dissidenti del M5S guidata dall'ex capogruppo in consiglio comunale Matteo Brambilla, Fico ha commentato: «Posso dirgli soltanto auguri !».

Video

Ma è proprio da Napoli, nel giorno della presentazione dei candidati, che parte la prima offensiva legale contro il voto che ha eletto Giuseppe Conte leader del Movimento 5 Stelle. È in dirittura d'arrivo, infatti, la notifica del ricorso giudiziario per l'annullamento del nuovo statuto redatto dal giurista di Volturara Appula. Un gruppo di attivisti della prima ora ha impugnato, oltre allo statuto, anche la votazione con cui Conte è stato incoronato presidente dei 5 Stelle. «Sono sette gli articolati motivi di illegittimità, non solo procedurali, che verranno illustrati nei prossimi giorni in conferenza stampa», annunciano all'Adnkronos i promotori del ricorso, spiegando che l'iniziativa nasce «a seguito della deriva verticistica che ha portato ad accantonare le regole e i principi fondanti del M5S, con conseguente sospensione della democrazia interna». Il ricorso sarà presentato a Napoli e vede come promotori alcuni attivisti storici che si sono rivolti all'avvocato Lorenzo Borrè, ma coinvolge anche militanti provenienti da diverse parti d'Italia, i quali hanno lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma Gofoundme intitolata «Attivisti Vs dirigenti del M5S», una sorta di «Scudo della rete» - richiamando ad una delle funzioni della piattaforma Rousseau - per le spese legali. 

A sostegno dell'impugnazione i ricorrenti lamentano, tra l'altro: «il mancato raggiungimento del quorum della 'metà degli iscrittì per l'approvazione del nuovo statuto - avendo Crimi ritenuto bastevole la partecipazione alla votazione della 'metà degli aventi diritto al votò»; la «non iscrizione di Conte al M5S», confermata dal fatto che - come affermano i ricorrenti - «il 17 luglio 2021 (lo stesso giorno in cui ha indetto le votazioni per l'approvazione del nuovo statuto)» il reggente grillino Vito Crimi avrebbe chiesto all'Associazione Rousseau di «effettuare l'iscrizione di Giuseppe Conte al Movimento 5 Stelle, adempimento non ottemperato da detta Associazione». Gli attivisti contestano anche: «la nullità della clausola statutaria che prevedeva l'eleggibilità del solo Conte» e «l'esclusione dal diritto di voto degli iscritti da meno di sei mesi»; «la pubblicazione della convocazione su una piattaforma ignota alla maggioranza degli iscritti», tant'è che, sostengono gli attivisti parlando con l'Adnkronos, «dai piani alti del partito fu chiesto all'Associazione Rousseau di pubblicare sulla propria piattaforma un avviso di trasloco del sito all'indirizzo .eu».

Ultimo aggiornamento: 13:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA