Elezioni suppletive a Napoli, Guarino a Fico: «Sarà un referendum sul Governo»

Sabato 8 Febbraio 2020 di Valerio Esca
NAPOLI - «Napoli ha bisogno di ripartire con il lavoro. Non servono forme di assistenzialismo, ma serve dare ossigeno alle partite iva. Questo voto a differenza di quanto sostiene Fico, ci dirà cosa pensano gli italiani del M5S e sarà un giudizio anche sul governo». A sostenerlo il candidato alle suppletive del Senato a Napoli, Riccardo Guarino, che questa mattina ha incontrato i suoi sostenitori e i cittadini del Vomero, a via Luca Giordano. 

LEGGI ANCHE Suppletive, de Magistris su candidatura Ruotolo: «Se il metodo è vincente, anche alle Regionali»

«I napoletani - ha spiegato il presidente di Rinascimento partenopeo - hanno un'occasione unica di dare un segnale forte votanti una lista nuova e identitaria come movimento». L'avvocato civilista, esperto di diritto bancario e tutela del consumatore, vero outsider della sfida al Senato, ha anche incontrato durante la sua passeggiata un altro candidato in corsa: Sandro Ruotolo. «Un'occasione per salutarci - ha rimarcato Guarino - e ho spiegato a Ruotolo che mi farebbe piacere confrotarci sui temi». Insomma, il presidente di Rinascimento partenopeo ha lanciato il guanto di sfida ai candidati.

«Farebbe piacere parlare di temi - sostiene Guarino - cosa che in questa campagna elettorale non esiste. Non si parla dei problemi reali del Paese, o di Napoli in questo caso. Si punta a chiudere accordi prettamente elettorali e alla fine per i cittadini cambierà poco o nulla».   © RIPRODUZIONE RISERVATA