«Il sindaco pensa a sé ha tradito la sinistra»

di Valerio Esca

La sinistra si sente tradita dalle politiche che il sindaco sta portando avanti. Nonostante due giorni fa abbiano votato a favore del rendiconto di bilancio, resta in piedi lo strappo che si è consumato con l'ex pm. Una presa di distanza netta, figlia di scelte che hanno reso un gruppo, come quello di Napoli in Comune a Sinistra - all'interno Sinistra Italia, Rifondazione e Articolo 1 - una periferia della maggioranza. In questi tre anni i rossi hanno incassato più sconfitte che vittorie, dal punto di vista politico. Basti pensare al passaggio di Ciro Borriello, eletto con il gruppo della sinistra, nominato assessore e finito poi nelle fila di demA. Stesso percorso di Pietro Rinaldi, primo dei non eletti alle amministrative del 2016 nelle fila della sinistra, subentrato in consiglio proprio a Borriello (dopo la nomina ad assessore) e passato poi con demA. Scelte mai concordate e condivise dal gruppo.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 30 Maggio 2019, 08:14 - Ultimo aggiornamento: 30-05-2019 11:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-05-30 11:51:44
Azz l'avete capito solo ora?
2019-05-30 09:42:20
Nientedimeno se ne sono accorti dopo 8 anni? E perchè hanno votato a favore del rendiconto di bilancio?

QUICKMAP