Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Recovery plan, oggi l'incontro tra Confindustria e Università sui temi dello sviluppo del territorio

Venerdì 4 Marzo 2022
Recovery plan, oggi l'incontro tra Confindustria e Università sui temi dello sviluppo del territorio

«Con i sette rettori delle università campane abbiamo avviato una collaborazione organica sui temi dello sviluppo del territorio. È un passo importante, che, ne siamo certi, darà risultati significativi».

Così si è espresso il presidente di Confindustria Campania, Luigi Traettino, al termine dell'incontro, tenutosi nella sede dell'Ateneo Vanvitelli, con il rettore dell'Università degli Studi del Sannio, Gerardo Canfora, il rettore dell'Istituto Università degli Studi di Napoli Parthenope, Alberto Carotenuto, il rettore dell'Università degli Studi Suor Orsola Benincasa, Lucio d'Alessandro, il rettore dell'Università degli Studi di Salerno, Vincenzo Loia, il rettore dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, Matteo Lorito, il rettore dell'Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, Gianfranco Nicoletti, il rettore dell'Università degli Studi di Napoli L'Orientale, Roberto Tottoli.

Video

«Si partirà - ha aggiunto Traettino - da una sinergia per individuare le forme migliori per l'utilizzo delle ingenti risorse finanziarie messe a disposizione dal Pnrr, oltre che dal Fondo di Coesione, dai Fondi europei 2021/2027 e dalle politiche e dagli strumenti di bilancio annuali e pluriennali dello Stato. Inoltre abbiamo deciso di costituire un “working group” permanente che lavorerà a stretto contatto, cogliendo le opportunità offerte dai fondi a disposizione per il prossimo periodo di programmazione, puntando ad una autosostenibilità delle iniziative alla scadenza dell'attivazione delle fonti di finanziamento ad oggi previste».

© RIPRODUZIONE RISERVATA