Ippodromo Agnano, c'è la proroga:
stop licenziamenti e assunzioni

Urlo dei Venti vincitori del Lotteria 2018
di Gaetano Borrelli

  • 18
In zona Cesarini, così come accade puntualmente da qualche anno, il Comune di Napoli con una determinazione dirigenziale, ha prorogato l'affidamento dell'ippodromo di Agnano fino al 31 dicembre all'attuale società di gestione. La precedente concessione sarebbe scaduta domani 31 marzo.«Con la firma della proroga e dopo mesi di trattative - spiegano i sindacati Slc, Cgil Napoli e Uilcom Campania - è stato siglato un importante accordo che scongiura i 64 licenziamenti (previsti in mancanza di proroga) e stabilisce l'assunzione a tempo indeterminato di ventuno lavoratori impiegati nel campo della raccolta delle scommesse».

Il Comune è stato “costretto” alla proroga in quanto l'iter per la vendita dell'ippodromo è complicato e non facilmente risolvibile e non si è conclusa nemmeno la procedura per una gara di affidamento biennale che non piace ai sindacati. «Il nostro obiettivo - spiegano Slc, Cgil Napoli e Uilcom Campania - era e rimane una gara a lunga scadenza che consenta di programmare attività a sostegno dell'ippica e consolidare la condizione occupazionale».

Superato, seppur momentaneamente, l'intoppo con il Comune resta il nodo delle sovvenzioni del ministero dell'Agricoltura. Il Mipaaft tuttora non ha ancora varato i contratti che regolano i rapporti con gli ippodromi per l'anno in corso. Le società di gestione non sanno su quali risorse potranno contare. Navigano nel buio. «Questi accordi ci consentono - spiegano Infimo, Merola e Supino, componenti della rsu aziendale - di triplicare l'impegno per l'organizzazione del prossimo Gran premio Lotteria in programma il primo maggio, appuntamento di grande visibilità internazionale per la città».
Sabato 30 Marzo 2019, 10:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP