Ischia, vescovo e sindaco divisi da un privilegio del '300

di Massimo Zivelli

0
  • 4
L'innovazione contro la tradizione. Il potere spirituale che vuole scavalcare quello temporale. A ruoli insolitamente invertiti, il vescovo della diocesi di Ischia e Procida, monsignor Pietro Lagnese, assurge in questi giorni a protagonista perché fortemente deciso ad abolire un privilegio che addirittura nel 1306 venne concesso da un suo predecessore (anch'egli di nome Pietro) alla municipalità isolana di Forio, per la ratifica della nomina del parroco della basilica pontificia di San Vito, patrono della città. Un privilegio che dura da 700 anni dunque e che nell'anno di grazia 2019 sembra dover andare definitivamente in pensione, stando almeno alle nuove disposizioni del pastore della Chiesa isolana. Disposizioni contro le quali l'altro giorno è insorto il Consiglio comunale di Forio, sindaco Francesco Del Deo in testa, che ha votato un ordine del giorno in cui si dice a chiare lettere che la municipalità non rinuncerà affatto al suo secolare diritto.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Sabato 2 Marzo 2019, 08:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP