Lavoro: ad ottobre a Napoli il Simposio su formazione e sicurezza

di Paola Marano

1133 nel 2018, che secondo uno studio potrebbero arrivare anche a 1500, se si considerano gli incidenti mortali avvenuti in situazioni irregolari di lavoratori in nero i cui familiari non hanno avuto alcun indennizzo: è l’istantanea delle morti sul lavoro fotografata stamattina in occasione della presentazione del l'Hse Symposium 2019. Salute, sicurezza sul lavoro e ambiente, ma anche innovazione, aggiornamento, formazione e spazio alle idee dei giovani ricercatori. E' l’obiettivo dell’evento nazionale organizzato, a Napoli per il secondo anno consecutivo, dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università “Federico II” e dall'Associazione Europea per la Prevenzione, con il supporto di Fondolavoro, di Ebilav e di numerosi Ordini Professionali nazionali e territoriali. Il Simposio si terrà venerdì 25 e sabato 26 ottobre 2019, presso l’Aula Magna “Gaetano Salvatore” della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II.
 

«Una occasione di confronto e di sviluppo - ha sottolineato Vincenzo Fuccillo, presidente di Assoprevenzione - necessaria per un mondo del lavoro in assoluto fermento. Per questo motivo una particolare attenzione è dedicata al lavoro di ricerca e di innovazione, soprattutto a quello proposto dai giovani». Ad essi, tecnici e ricercatori, è riservato un «concorso per idee» attivato da HSE Symposium che accoglierà (fino al 31 maggio 2019 ) progetti e proposte di innovazione sul tema.
«Tutti gli studi selezionati dalla Commissione Scientifica – ha aggiunto Carlo Parrinello, presidente di Fondolavoro - saranno oggetto di pubblicazione e quelli proposti dagli under 35 formati negli Atenei italiani concorreranno anche all’assegnazione di borse di studio istituite da Ebilav e Fondolavoro».
«Per il secondo anno di seguito – ha evidenziato Luigi D’Oriano, presidente di Ebilav – saremo presenti al fianco delle Università a sostegno di questa pregevole iniziativa. C’è grande necessità di eventi come l’HSE Symposium, capaci di dare finalmente una spinta all’innovazione e di promuovere il lavoro e le idee delle nuove generazioni,  non solo per il mondo imprenditoriale, ma per tutto il sistema sociale».

L’iniziativa nasce per diffondere la cultura della sicurezza sul lavoro e promuoverne l’innovazione tecnologica, strutturale e procedurale, e unisce nella due giorni programmata a Napoli le esperienze e le proposte dei massimi organismi nazionali, accogliendo gli interventidei rappresentanti delle Istituzioni Pubbliche, degli Atenei, Ordini Professionali, Organismi di Tutela e Controllo nonché dei delegati di numerose Aziende del settore.
Health, Safety and Environment: Salute, Sicurezza ed Ambiente sono i temi affrontati nel corso dei lavori che in questa seconda edizione sono definiti attraverso tre focus ben precisi: evoluzione del lavoro e orizzonti normativi; formazione 4.0; innovazione: verso il futuro. Saranno preceduti da un primo momento di discussione, nel focus introduttivo “Lavoro Sicuro”, in cui si fornirà alla platea un’istantanea sul mondo del lavoro in Italia, dai dati ISTAT e INAIL alle nuove iniziative di contrasto alle “morti bianche” e ai disastri ambientali.
«L’HSE Symposium 2019 – ha concluso il Prof. Umberto Carbone del Dipartimento Sanità Pubblica Università “Federico II” - di fatto sintetizza un fondamentale momento di scambio e di bilancio, aperto al pubblico ed ai media, in cui il costante lavoro di studio e di analisi condotto sul campo giorno dopo giorno, trova la possibilità di trarre le dovute conclusioni e di fornire nuove linee di indirizzo per affrontare i delicati passaggi legati alla salute, alla sicurezza sul lavoro ed all’ambiente».
 
Mercoledì 8 Maggio 2019, 21:00 - Ultimo aggiornamento: 08-05-2019 21:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP