Lavoro, Saiello sugli dipendenti Giraservice: «Accelerare percorso di formazione retribuita»

Martedì 25 Gennaio 2022
Saiello

«Il caso dei lavoratori ex Giraservice rischia di deflagrare ben presto al pari di tante vertenze che caratterizzano la nostra regione da alcuni anni. Parliamo di 130 dipendenti, licenziati a due giorni dal Natale e oggi in regime di Naspi, che per 25 anni hanno prestato servizio nella distribuzione dei biglietti e nella manutenzione delle emettitrici elettroniche per conto del Consorzio unico Campania. Dopo tutti questi anni, in centinaia rischiano oggi di trovarsi con in mano un pugno di mosche e nessuna prospettiva occupazionale».

Così il presidente della commissione speciale Industria 4.0 e consigliere regionale M5s Gennaro Saiello, che sulla questione ha presentato una interrogazione alla giunta regionale, annunciando la sua presenza al presidio organizzato, per domani, dai lavoratori ex Giraservice. «All'assessore regionale alle attività produttive - precisa Saiello - ho chiesto e sollecitato di mettere in campo, in tempi celeri, le misure pattuite nel verbale di accordo con i rappresentanti dei lavoratori, a partire da un percorso di formazione retribuita, per la durata di 6 mesi, finalizzata a una ricollocazione nell'ambito dello stesso settore.

Video

Al contempo, si rende necessario intervenire con urgenza per la pubblicazione di un nuovo bando che preveda, in tal caso, il rispetto della clausola di salvaguardia e, dunque, la possibilità di ricollocare i dipendenti ex Giraservice in seno alla nuova società concessionaria».

© RIPRODUZIONE RISERVATA