Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Movida a Napoli, l'ex fedelissimo di de Magistris attacca De Iesu e Armato: «Siete una banda di scappati di casa»

Venerdì 17 Giugno 2022 di Luigi Roano
Con l'elmenttto De Magistris alla sua destra Andreozzi

«Siete una banda di scappati di casa», così Rosario Andreozzi consigliere comunale della maggioranza che sostiene il sindaco Gaetano Manfredi si è rivolto verso gli assessori Antonio De Iesu (Legalità) e Teresa Armato (Turismo) nel corso della commissione consiliare presieduta dal piddino Pasquale Esposito dove è in discussione il regolamento di sicurezzza urbana.

Andreozzi, ex fedelisismo dell'ex sindaco Luigi de Magistris ora passato tra le fila di Manfredi non ci sta. Per lui il regolamento con il quale si cerca di contenere gli eccessi della movida fracassona come i fonometri, qr code per verificare che gli spazi occupati non esondino dalla concessione,  e limitazione degli orari di vendita dell'alcol normata dallo Stato non vanno bene. Sono strumenti «vessatori». «Uscite da Palazzo San Giacomo - continua Andreozzi verso gli assessori - e costruite un patto con la città. State costruendo un disastro, se non cambiate il regolamento vi terrò cinque giorni in Aula».

Andreozzi è nel gruppo dela Sinistra con l'ex assessore di de Magistris Sergio D'Angelo. Dipendente della NapoliServizi, Andreozzi era la punta di diamante - quando l'ex pm era sindaco - dei centri sociali in Consiglio comunale. Salvo poi - sul finale della stagione arancione - rompere con de magistris e passare dalla sinistra radicale a quella moderata di Manfredi. Insomma i superstiti arancioni restano di lotta e di governo. Giova ricordare che dal 2017 il Comune non ha aderito ai decreti sicurezza e da allora non si è dotato del regolamento di sicurezza urbana.

A replicare ad Andreozzi ci pensa l'assessore De Iesu ex questore di Napoli. «C'è sempre qualcosa da imparare, mi farò due risate con mio figlio - dice l'assessore - perché quanto a scappati di casa credo di essere in buona compagnia». 

Ultimo aggiornamento: 16:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA