CORONAVIRUS

Consiglio comunale Napoli, M5S contro de Magistris: «Non barattiamo nulla, lo mandiamo a casa»

Martedì 17 Novembre 2020

«Il M5s è pronto a mandare via questa amministrazione e chiediamo a tutti i consiglieri che condividono questa posizione di schierarsi chiaramente contro questa gestione fallimentare che ha portato la città nel baratro». Lo affermano i consiglieri comunali M5s Matteo Brambilla e Marta Matano in relazione a quanto accaduto ieri in Consiglio. Rispetto all'appello rivolto dal sindaco de Magistris alle forze politiche, i pentastellati sottolineano che «il M5s non ha da patteggiare nulla con questa amministrazione e tutela solo gli interessi della città e dei cittadini che hanno necessità di avere i servizi e una gestione seria e capace, che riesca ad affrontare con lucidità le problematiche complesse connesse alla pandemia da Covid-19 che oggi viviamo».

LEGGI ANCHE Covid a Napoli, mancanza di bombole di ossigeno: vertice Prefetto-Federfarma

«Ancora una volta il Consiglio comunale non si è tenuto nonostante un'ampia presenza di consiglieri e una rappresentazione teatrale tra una parte delle opposizioni e la maggioranza ha consentito di votare la sospensione dei lavori». I consiglieri evidenziano inoltre che ieri è stato lo stesso sindaco a chiedere il rinvio dei lavori «dopo aver sostenuto che in caso di bocciatura del bilancio il Consiglio sarebbe stato sciolto e non si poteva far più nulla sulle questioni più importanti,. De Magistris ha chiesto che il Consiglio fosse rinviato perché per sua stessa ammissione non ha una maggioranza numerica e si è appellato a tutte le forze politiche per mettere in campo un'azione politica e amministrativa di transizione fino alla primavera. In pratica - concludono Brambilla e Matano - ha preso tempo rispetto al voto sul bilancio». 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 13:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA