Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comune di Napoli, in commissione politiche sociali linee guida sul contrasto alla ludopatia

Giovedì 12 Maggio 2022
Comune di Napoli, in commissione politiche sociali linee guida sul contrasto alla ludopatia

Rafforzare i percorsi di prevenzione del disturbo da gioco d'azzardo, approvazione del nuovo regolamento, revoca delle licenze irregolari, azione di emersione delle persone affette dalla ludopatia nelle scuole e rispetto divieto delle pubblicità. Questi sono gli indirizzi e obiettivi emersi in commissione politiche sociali presieduta da Massimo Cilenti di Napoli Libera, dove si è discusso degli interventi che il Comune di Napoli deve intraprendere per arginare le ricadute sociali della ludopatia, inserita dall'Organizzazione mondiale della sanità tra le malattie che creano dipendenza al pari di droghe e alcool.

«Un fenomeno generato in Italia dalla scelta dello Stato di derubricare a gioco il settore dell'azzardo - spiega Cilenti - facendo ricadere sulle regioni i costi sanitari e sui comuni i costi sociali. È evidente che occorre inserire le azioni di prevenzione e cura al disturbo da azzardo patologico nel prossimo piano di sona». Presenti Pasquale Riccio e Anna Cigliano per la rete Mettiamoci in gioco e Riccardo Vizzino dell'associazione Il Dado. Toti Lange ha evidenziato l'importanza di rafforzare gli interventi di prevenzione e cura, piuttosto che sull'azione di repressione del fenomeno.

Video

Per Rosario Andreozzi si deve investire nel rafforzare i servizi in rete tra asl, Comune, scuole e associazioni. Maria Grazia Vitelli ha aggiunto che le azioni devono essere mirate a costruire una rete sociale anche con le famiglie. Gennaro Esposito suggerisce, previo parere con l'avvocatura, di approvare un regolamento comunale che superi la legge regionale n.2/2020. Iris Savastano ha proposto la redazione di un documento contenente le linee guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA