Camorra, l'accusa di Coppola: «De Luca non vuole incontrare i testimoni di giustizia»

«Con svariate lettere questo movimento per la lotta alla criminalità organizzata ha cercato di ottenere un incontro con il governatore della Regione Campania De Luca, ma purtroppo sembra non esserci alcuna volontà da parte del governatore di incontrare i paladini della legalità in una terra martoriata dalla camorra: chi denuncia sembra non essere ben accetto dalle istituzioni».


Lo afferma il presidente del Movimento per la lotta alla criminalità organizzata Luigi Coppola. «Circa due anni fa il governatore fece sapere che si sarebbe attivato in merito alla legge che prevede l'assunzione nella pubblica amministrazione senza concorso per i testimoni di giustizia. Ma ad oggi né assunzioni né incontri istituzionali che possano far sperare in una soluzione a breve termine. Il silenzio umilia noi uomini onesti ma è anche la dimostrazione che in Campania se sei per la legalità non sei accettato. Se De Luca continua così saranno tanti i testimoni di giustizia che stazioneranno sotto il Palazzo del governo regionale», aggiunge Coppola che annuncia anche «una protesta davanti ai palazzi del governo centrale che ancora una volta sta dimostrando di essere contro di noi e non al nostro fianco», rammaricandosi delle dimissioni del viceministro Filippo Bubbico: «Almeno lui ha spesso dimostrato umanità, cosa rara in questo governo», conclude.
Venerdì 13 Ottobre 2017, 19:10 - Ultimo aggiornamento: 13-10-2017 19:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP