CORONAVIRUS

Napoli, nessun fitto nei locali pubblici per i commercianti nei mesi di lockdown

Venerdì 3 Luglio 2020

Chi è affittuario di un immobile ad uso non abitativo di proprietà della Città metropolitana di Napoli è esonerato dal pagamento del canone relativo ai periodi per cui le disposizioni per contenere l'emergenza coronavirus hanno imposto la chiusura delle attivita. Lo stabilisce un atto di indirizzo approvato oggi dal sindaco metropolitano, Luigi de Magistris, Per accedere a questa misura, rivolta a locali commerciali o a titolari di concessioni a titolo oneroso, è necessario essere in regola con i pagamenti fino al febbraio 2020 e non essere sottoposti as azioni di recupero della morosità antecedenti a marzo 2020.

LEGGI ANCHE Napoli, De Luca show all'inaugurazione del mercato: «Olio tunisino come nafta»

Per coloro che invece non hanno subito la chiusura ed ancora non abbiano effettuato i versamenti, è concesso un differimento di tre mesi del pagamento dei canoni dovuti per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020, senza alcun aggravio. Sempre se in regola con i versamenti fino a febbraio 2020. I concessionari di spazi presso gli Istituti scolastici, gestiti dalla Città metropolitana, sono esonerati dal pagamento dei canoni in coincidenza con la sospensione dell'attività didattica nelle scuole. 

Ultimo aggiornamento: 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA