Napoli, l'annuncio di de Magistris:
«Raccolta differenziata al 40,1%»

24
  • 666
Nel mese di gennaio 2019 la città di Napoli è arrivata al 40,1 per cento di raccolta differenziata. Il dato è stato reso noto dal sindaco, Luigi de Magistris, in occasione dell'illustrazione del nuovo contratto di servizio tra Amministrazione comunale e Asia (Azienda di Igiene urbana) che ha durata quindicennale. «E' un risultato memorabile - ha affermato il sindaco - e ricordo a tutti che è stato raggiunto avendo il 50 per cento di personale in meno rispetto all'Amministrazione che ci ha preceduti, nonostante i tagli ripetuti dei governi che arrivano a circa un miliardo e mezzo e nonostante i vincoli normativi a cui siamo sottoposti». Nel contratto di servizio - come sottolineato - «si supera la filiera esclusiva costituita da inceneritori, discariche e cave e si va verso compostiere di comunità, piccoli impianti di compostaggio, isole ecologiche, multimateriale rompendo quella declinazione di chi non vuole fare nulla». Impegni e obiettivi che «vogliono coniugare ambiente e nuove tecnologie, industria e rispetto della qualità della vita, diritto al lavoro e diritto alla salute. Questa amministrazione, con un grande gioco di squadra - ha concluso - ruppe la filiera dell'emergenza rifiuti nel rapporto tra politica, camorra e affari e oggi sta dimostrando che puntare sul pubblico non è solo una scelta politica che ci ha sempre convinto ma può significare risparmio, efficienza, visione del futuro e diritto a lavoro e alla salute».
Venerdì 10 Maggio 2019, 16:08 - Ultimo aggiornamento: 10-05-2019 16:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2019-05-13 21:39:51
Sicuramente si é sbagliato forse voleva dire il 01,00% ma si sa siamo in campagna elettorale
2019-05-11 17:05:52
Assolutamente falso. Le isole per il conferimento sono pochissime e nessuno controlla il percorso finale. ASIA, a cui è stata confermata la convenzione per altri 15 anni se la canta e se la suona, e questo proclama farlocco giustifica il contrattone. Non solo, ma i supermercati non possono mettere le macchinette scambia bottiglie vetro e plastica, perchè ASIA (ed il Comune ovviamente) non lo consente. Ma, a fronte di questo incremento di senso civico, dove risiede l'adeguamento TARI? Perchè non esistono incentivi seri? Perché il management è impreparato e le strutture organizzative (comunali e private) sono da terzo mondo.
2019-05-11 09:03:28
le vittorie annunciate dal sindaco sono quasi sempre invisibili ad i cittadini, differenziata al 40%...può anche essere ma le strade continuano ad essere sporche, io vivo a C.so Umberto, in una via limitrofa, e posso affermare che in queste strade c'è una perenne presenza di rifiuti (e non parlo di una remota periferia dimenticata)il servizio di spazzature delle strade è come minimo con cadenza quindicinale, quindi saremo anche al 40% ma io vedo sempre le strade sporche e sudicie.
2019-05-11 08:32:18
Il dato del 40% ( vero, falso o presunto) dovrebbe corrispondere ad una diminuzione della Tarsu. Invece è previsto un aumento del 5%. Chiaramente l’aumento è solo a carico di chi paga.
2019-05-11 00:26:25
RIDICOLO , ha sommerso tutta l'area Metropolitana di sua competenza con l'immondizia di Napoli . E' un incapace totale , buono solo a lamentarsi . Ma cosa ricorderemo che ha fatto per Napoli e la sua Provincia ???! IL NULLA , SE NON MONNEZZA A VOLONTA' .

QUICKMAP