Il paradigma dei sacrifici nella città che ingoia tutto

di Vittorio Del Tufo

4
  • 4
Pensieri e parole scorrono vacui, al capezzale del trasporto pubblico. Se quello su gomma è un malato terminale, il cui supplizio si trascina da tempo, non se la passa meglio quello su ferro, tra blocchi improvvisi, convogli guasti e treni insufficienti rispetto al volume di traffico del metrò cittadino. Intervistato dal Mattino dopo l'ultimo lunedì nero - circolazione bloccata sulla linea 1 a causa dell'ennesimo guasto - il manager dell'Anm Nicola Pascale non ha potuto far altro che chiedere scusa ai napoletani («Ci dispiace molto») e mettere in chiaro, con apprezzabile sincerità, che per una soluzione strutturale bisognerà attendere la fine del 2019, quando avverrà la consegna dei nuovi treni e quelli vecchi, sporchi e scassati potranno finalmente andare in pensione. Assistiamo così al debutto, nel lessico amministrativo, del sacrificio istituzionalizzato. Alternative? Zero. È un lungo «arrangiatevi» quello che risuona nelle stanze dove si dovrebbero trovare le soluzioni per rendere un po' meno infernali le giornate di chi viaggia sui mezzi pubblici. Pensate che nei mesi scorsi, dopo l'ennesimo stop alla Linea 1, il sindaco De Magistris aveva dichiarato di aver perso la pazienza: deve averla ritrovata, perché le sue urla sono risuonate - appunto - vacue come le promesse che si affollano da troppo tempo al capezzale dell'Anm.

È antropologicamente degna di nota questa istituzionalizzazione del sacrificio. Fa leva sullo stato d'animo dei napoletani, rassegnati a ingoiare umiliazioni d'ogni tipo - dai pazienti parcheggiati in barella nei corridoi degli ospedali all'insulto quotidiano dei parcheggiatori abusivi - ai quali, in buona sostanza, si chiede di turarsi il naso per non sentire il nauseabondo odore del trasporto pubblico moribondo. Napoli ingoia tutto, perché non dovrebbe ingoiare pure i bus e i treni della metro fermi in deposito?

Sui servizi pubblici vorremmo un disegno, un progetto, uno straccio di prospettiva. Invece si naviga a vista, e il collasso delle finanze pubbliche continua a riverberarsi proprio su bus e metro, i cui standard sono ben al di sotto delle città europee e, per quanto riguarda i trasporti su gomma, semplicemente indecenti. Ora, è del tutto evidente che dallo sprofondo rosso dei conti bisognerà uscire con una politica di rigore e di lacrime e sangue. Ma non è pensabile che a pagare il prezzo più alto per questo scempio debbano essere solo gli utenti dei mezzi pubblici: bestie da macello a cui non si fa altro che chiedere sacrifici.
Mercoledì 17 Ottobre 2018, 08:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-10-17 18:24:34
Ce la prendiamo col sindaco perché non vogliamo guardare in faccia la realtà. Napoli soffre princialmente di un problema culturale attribuibile ad un popolo che sa solo piangere, criticare, gufare, fare gli schiattamuorti -come dice il nostro giornalista- . Ma quando si tratta di pagare i tributi -perché con quelli si possono fare le cose- allora quasi il 40% della popolazione, che è pronra sempre a criticare, non paga. Non paga la monnezza, non paga il biglietto sugli autobus, contribuisce a sporcare le strade e tutto ciò che calpesta...ma la lista è troppo lunga.
2018-10-17 13:50:59
Un quadro desolante e tragico del trasporto pubblico a Napoli, descritto lucidamente ed efficacemente da un eccellente giornalista che, presumo, per necessità professionale si affida raramente ai trasporti pubblici locali. Figuriamoci quali possano essere i pensieri ed i giudizi di chi, ogni giorno e suo malgrado, si ritrova preda di questo caos infernale. Ma, è fin troppo chiaro che, ad un Comune sottoposto al blocco delle spese e di contrarre ulteriori debiti, non si possa chiedere più nulla. Napoli è una città morta e il Sindaco è solo il suo schiattamuorto! Solo un intervento governativo ci potrà salvare dalla putrefazione, ma a condizione che lo schiattamuorto vada finalmente retro.... Temo tuttavia che noi napoletani, anche per il futuro, vivremo sempre precariamente e a rischio di altri default. Dobbiamo, ahimé, convenire con coloro che ci definiscono antropologicamente diversi dagli altri....
2018-10-17 10:07:08
No, è impegnato nelle azioni più nobili quali invitare a Napoli il sindaco di Riace. Così gli insegna come si gestiscono i migranti senza problemi con la legge e a spese della cittadinanza
2018-10-17 08:29:16
dema li legge questi articoli?

QUICKMAP