Napoli, sprechi di energia negli uffici comunali: a Ponticelli pannelli solari e domotica

Napoli, sprechi di energia negli uffici comunali: a Ponticelli pannelli solari e domotica
di Alessandro Bottone
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 20:21
3 Minuti di Lettura

Dagli sprechi all'efficienza energetica grazie all'aiuto della tecnologia digitale. Il progetto riguarda un edificio pubblico di Ponticelli, quartiere nella zona orientale di Napoli, che sarà riqualificato per ottenere una struttura a minor impatto energetico e con ambienti maggiormente confortevoli.

Il bene, che ospita uffici del Comune di Napoli, è al civico 61 di via Commissario Ammaturo, nella cosiddetta zona di Porchiano, in un’area del quartiere caratterizzata da un’altissima densità abitativa. L'intervento sarà messo in campo con 830mila euro del PON Metro Città Metropolitane 2014/2020. Il fabbricato, realizzato negli anni Ottanta, è costituito da sette piani destinati a uffici e da alcuni locali adiacenti utilizzati per l'archivio.

Video

Innanzitutto si interviene sugli infissi che saranno sostituiti. Si ristruttura completamente l’impianto termico per il riscaldamento e il raffrescamento delle numerose stanze, si sostituisce la caldaia esistente - alimentata a metano - con una pompa di calore aria-acqua e si installano nuovi fancoil. Si interviene anche sull'illuminazione con nuove lampade a led. Inoltre, sul solaio dell’archivio sarà installato un nuovo impianto fotovoltaico da sei kilowatt che permetterà di coprire una parte dei consumi elettrici.

La struttura comunale sarà adeguata alla cosiddetta building automation. Difatti, dopo i lavori sarà possibile regolare gli impianti così da raggiungere una situazione di confort nella maniera più efficiente possibile con conseguente risparmio energetico. In particolare, saranno installati sensori di presenza e movimento e tutti gli apparecchi di illuminazione potranno essere gestiti grazie a una applicazione per smartphone e tablet attraverso la quale si potrà scegliere l'atmosfera luminosa più adatta alle specifiche occasioni a seconda dell’attività svolta o dell’orario. I punti luce saranno dotati di sensori intelligenti che rilevano il movimento e che misurano anche la quantità di luce naturale: in tal modo sarà mantenuto lo stesso livello di luminosità garantendo un elevato risparmio energetico. Nei corridoi verrà impostata la funzione secondo la quale l’illuminazione raggiunge automaticamente il livello massimo soltanto quando viene rilevata la presenza di una persona mentre diminuisce progressivamente nel caso di mancato utilizzo degli spazi.

I lavori permettono di abbattere le dispersioni termiche dell’edificio e di ridurre la quantità di energia elettrica utilizzata migliorando l’efficienza degli impianti. L’obiettivo ultimo è ridurre le emissioni di anidride carbonica. Sarà necessario lavorare per 181 giorni, ovvero sei mesi, per portare a termine tutti gli interventi previsti il cui progetto esecutivo è stato appena approvato dalla giunta del Comune di Napoli guidata da Gaetano Manfredi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA