Neoborbonici contro le sardine: «Manifestate a Bologna contro il regionalismo del Nord»

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Dopo il recente incontro tra le sardine e il ministro per il Sud Provenzano, il Movimento Neoborbonico ha lanciato ai leader del movimento di Sartori una provocazione: organizzare una manifestazione in piazza a Bologna contro l'autonomia del Nord (e della Regione Emilia Romagna) per dimostrare il reale interesse per il Sud.

LEGGI ANCHE Le Sardine incontrano il governo: contatti con Conte. E con i 5Stelle è guerra delle piazze

«Al di là dei consueti e vecchi appelli per una "questione meridionale che deve diventare questione nazionale", infatti - fa sapere una nota dei Neoborbonici - il movimento che è diventato di fatto un interlocutore di ministri e premier non ha fornito a Provenzano idee nuove e utili per risolvere una questione meridionale antica di oltre 150 anni e sempre più drammatica per i giovani del Sud. A questo proposito, alle sardine che avevano ipotizzato un Erasmus per favorire gli spostamenti di studenti tra Sud e Nord, i neoborbonici hanno ricordato che i meridionali emigrano da 150 anni e che negli ultimi anni il Sud si sta desertificando per la partenza di centinaia di migliaia di giovani. Nessun cenno, durante l'incontro tra sardine e ministro, agli 840 miliardi sottratti dal Nord al Sud negli ultimi 17 anni (dati Eurispes) e neanche al regionalismo differenziato o "secessione dei ricchi" che rappresenterebbe il colpo finale per il Sud. I neoborbonici hanno garantito, per una eventuale manifestazione, una loro massiccia presenza».Ultimo aggiornamento: 13 Febbraio, 06:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA