Nessuno si taglia lo stipendio:
​langue il fondo di solidarietà

ARTICOLI CORRELATI
di Carlo Porcaro

6
  • 19
Nessun assessore o consigliere regionale ha deciso di privarsi di un centesimo della rispettiva indennità per destinarlo al fondo delle politiche sociali. Non c'era alcun obbligo, piuttosto una facoltà prevista dall'articolo 1 della legge di stabilità regionale del 20 gennaio 2017. Nell'arco di questi 13 mesi nessuno ha presentato la nota al presidente della giunta Vincenzo De Luca o a quello del Consiglio, Rosetta D'Amelio, con cui sarebbe stato necessario formalizzare tale taglio al proprio stipendio. La legge, tanto strombazzata all'epoca dell'approvazione e voluta anche per stanare i grillini che solitamente versano una quota alla Casaleggio Associati, è rimasta quindi inattuata.

IL RENDICONTO
L'anno scorso fu presentato un emendamento per far diventare obbligatoria la restituzione, ma non fu approvato. Pd e Fi non hanno versato nulla. E il M5S? Accusati da De Luca di non aver colto l'opportunità che cercavano, hanno sottolineato quali finanziamenti mirati hanno preferito fare rinunciando ad una parte della propria indennità. «In tre anni e mezzo abbiamo accantonato la somma di 610mila euro. Di questi, 268mila euro li abbiamo destinati al bando Facciamo Scuola, attraverso il quale abbiamo finanziato 27 progetti di altrettante scuole, 106mila euro per il ripristino dei laboratori dell'istituto Rampone di Benevento, danneggiato dall'alluvione, 33mila euro per acquistare un ecografo e due concentratori di ossigeno donati all'ospedale Loreto Mare, grazie ai quali sono state e continueranno a essere salvate vite umane». Per De Luca questi atti rientrano, però, nella solidarietà personale.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 1 Febbraio 2019, 11:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-02-01 21:57:44
hanno fatto tanto per parcheggiare i loro posteriori su quelle remunerantissime poltrone, strapagati per fare danni oltre i propri interessi, e li vogliamo anche criticare? Certamente ognuno di essi pensa la famosa locuzione: "'cca nisciuno è fesso", alla faccia del contribuente.
2019-02-01 17:15:23
siamo uomini o caporali? siamo uomini e caporali(ma piu' caporali).
2019-02-01 14:34:22
E' un'utopia pensare che i politici si taglino gli stipendi per la cassa sociale, al massimo utilizzano qualche piccola quota per farsi pubblicità e farsi belli con progetti che loro scelgono in ambito grillino.
2019-02-01 13:32:12
Come addetti ai lavori forse non si fidano della gestione del fondo
2019-02-01 12:59:45
grillesi sempre coerenti!!!

QUICKMAP