Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Melito, Marrone: «Dal Comune negato accesso ad atti nel mio ruolo di Consigliere»

Venerdì 27 Maggio 2022
Melito, Marrone: «Dal Comune negato accesso ad atti nel mio ruolo di Consigliere»

Una nota al prefetto di Napoli Claudio Palomba per denunciare l’ipotesi di una possibile «omissione a danno del ruolo di controllo e garanzia del consigliere comunale». A inviare la nota al rappresentante del Governo è Nunzio Marrone, consigliere del Gruppo Maresca al Comune di Melito, che così spiega la vicenda:

«Il 22 aprile scorso inoltrai una regolare richiesta di accesso agli atti, per fare luce sulle modalità e sul numero delle autorizzazioni rilasciate dal Comune di Melito in riferimento al servizio di “noleggio da rimessa mediante autovettura con conducente”, spinto da un consolidato sospetto di poca trasparenza in merito. Da allora né gli uffici preposti né il sindaco si sono attivati per permettere al sottoscritto di fare i dovuti controlli». «Sono molto preoccupato - prosegue Marrone - perché non solo sono stato spogliato dei poteri di controllo e garanzia che, come ogni consigliere, sono chiamato ad esercitare per legge, ma anche perché una simile inottemperanza fa ipotizzare che non ci sia volontà di aprire il vaso di Pandora. Perché non rispondono? Cosa si cela dietro questo attendismo?».

«Ho ritenuto perciò doveroso richiedere - fa sapere il consigliere - nell’esercizio della sua potestà di garanzia e controllo delle attività istituzionali un intervento al prefetto di Napoli, affinché venga intimato al sindaco, al segretario generale e al responsabile del I settore del Comune di Melito il rispetto della legge», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA