Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Reddito di cittadinanza nelle aree verdi, Santagada: «Ascoltate dichiarazioni incoraggianti»

Venerdì 8 Aprile 2022
Percettori di rdc nelle aree verdi, Santagada: «Ascoltate dichiarazioni incoraggianti»

«La cosa più bella che ho visto è il loro grande entusiasmo, sono state rilasciate dichiarazioni veramente incoraggianti. I percettori di reddito vogliono contribuire alla crescita della nostra comunità e a valorizzarne gli spazi». Così l'assessore al verde del Comune di Napoli Vincenzo Santagada, parlando dell'utilizzo dei percettori del reddito di cittadinanza per la cura del verde cittadino.

Il progetto, che ha preso il via da pochi giorni, prevede l'assegnazione di 350 percettori di reddito all'area verde, che contribuiranno a garantire la pulizia e il decoro delle aree verdi cittadine: di questi, 50 supporteranno i giardinieri in servizio presso l'hub polifunzionale di Soccavo e 300 saranno distribuiti sul territorio in base alla presenza del verde nelle dieci Municipalità cittadine per la raccolta dei rifiuti indifferenziati nelle fioriere, nelle fonti arboree, nelle aiuole, nelle aree attrezzati e nei piccoli parchi di competenza municipale.

Video

«Si tratta di persone che volontariamente hanno deciso di partecipare a questo momento di crescita della città - ha detto l'assessore Santagada alla webtv del Comune di Napoli - e ringrazio l'assessore al lavoro Chiara Marciani per aver collaborato all'organizzazione del progetto. Con il contributo dei percettori del reddito di cittadinanza e dei cittadini  davvero nel giro di poco tempo potremo restituire alla nostra città e alla nostra comunità un verde più pulito, in modo tale che in una società post Covid che tende a isolarsi questo possa rappresentare un luogo dove favorire gli aspetti relazionali». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA