«Linee generali del nuovo Prg», al Comune di Napoli il nuovo piano di sviluppo

Nuove regole per gli usi del territorio

L'area est di Napoli
L'area est di Napoli
Lunedì 4 Dicembre 2023, 07:30
2 Minuti di Lettura

Alle 12 nella sala consiliare di via Verdi si apre il dibattito su le nuove «Linee generali del Prg» nella sostanza cambia il Piano regolatore generale dopo un quarto di secolo, pronta infatti  la Variante preparata dai tecnici dell’ufficio urbanstico e che impatterà sull'intero territorio cittadino. Un lavoro iniziato oltre un anno e mezzo fa. Da oggi però la parola passa alla politica, al Consiglio comunale che è sovrano sulla materia. Nell'Aula consiliare si riunisce dalle 12 alle 15 la Commissione urbanistica presieduta da Massimo Pepe, a presentare il nuovo strumento regolatore la vicesindaca e assessore all'Urbanistica Laura Lieto. I cambiamenti sostanziosi del nuovo Prg rigurdano il cambio delle destinazioni d'uso degli immobili e dei suoli. Una Variante quindi che non punta sul consumo di suolo ma sulla rigenerazione urbana. Il modello è quello della Variante est  dove grazie al Progetto Porta est l'intea area che va da Gianturco al Centro direzionale sarà oggetto di trasformazione urbanistica. 

Nel nuovo Piano si dovrebbe intravedere un Napoli più sostenibile, più smart e dove verranno messe le basi per una maggiore tutela del Centro storico per porre un freno al proliferare dei B& B e delle case vacanza.

L'effetto che si è innescato è che i residenti vendono le loro case, migrano e cambiano zona dove vivere con il risultato che la parte antica di Napoli perde il suo tratto identitario, un fenomeno che ha un nome ben preciso: turistificazione.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA