Reddito di cittadinanza, flop navigator in Campania: «Regione colpevole»

Sabato 4 Dicembre 2021 di Dario De Martino
Reddito di cittadinanza, flop navigator in Campania: «Regione colpevole»

Su 325.713 beneficiari del reddito di cittadinanza idonei al lavoro, in Campania solo in 61.794 hanno sottoscritto un contratto di lavoro. Si tratta del 19% della platea, la percentuale più bassa d'Italia su una media nazionale è 25,62%. Sono i numeri, calcolati all'ottobre 2020, che mostrano un clamoroso paradosso: nella Regione in cui ci sono più percettori del reddito di cittadinanza (ben 691.227 in totale), le politiche attive del lavoro funzionano peggio che nel resto d'Italia. È quanto emerge dal report sul lavoro dei navigator fatto da Anna, l'associazione nazionale dei navigator. Le responsabilità di questi dati? A sentire i navigator e i rappresentati regionali del Movimento 5 Stelle sono quasi tutte dovute al difficile rapporto instaurato tra la Regione e i navigator. L'occasione per parlarne è stata la presentazione del libro Navigator (a vista), storia e storie del reddito di cittadinanza curato proprio dall'associazione Anna. «I navigator hanno prodotto risultati nelle Regioni dove sono stati sostenuti. Purtroppo in Campania non è stato consentito loro nemmeno di lavorare in presenza», le parole della leader regionale grillina Valeria Ciarambino. Anche il rapporto stilato dall'associazione Anna evidenzia le difficoltà che hanno avuto i navigator nel lavorare in Campania. Se nelle altre regioni già a luglio 2019 era stato sottoscritta la convenzione tra Anpal e le Regioni per l'inserimento dei navigator, in Campania si è giunti ad un accordo soltanto a dicembre 2019 e con caratteristiche diverse rispetto alle convenzioni stipulate dalle altre regioni. 

Video

In particolare la difficoltà denunciate nel rapporto Anna riguarda la mancata convocazione dei percettori del reddito per sottoscrivere il patto per il lavoro. Nel report viene evidenziato: «La sottoscrizione del patto costituisce il requisito fondamentale per l'accesso a percorsi di inserimento al mercato del lavoro. Laddove i beneficiari non vengano convocati dai centri per l'impiego a sottoscriverli, il reddito di cittadinanza costituisce di fatto una misura meramente assistenziale. Ai navigator campani non è stato permesso l'accesso ai centri per l'impiego». Il report di Anna fa emergere che a giugno 2020 erano stati contattati soltanto circa 50mila percettori di reddito a fronte di 325mila idonei al lavoro. Solo nell'aprile del 2021 ai navigator campani è stata affidata una nuova attività che prevede il contatto di circa 300mila beneficiari per la stipula del patto per il lavoro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA