Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Referendum per la riforma della sanità in Campania: Cisl e Funzione pubblica danno il via alla raccolta delle firme

Mercoledì 2 Febbraio 2022
Referendum per la riforma della sanità in Campania: Cisl e Funzione pubblica danno il via alla raccolta delle firme

Un referendum per un vero rilancio della medicina territoriale e di prossimità attraverso un riassetto organizzativo di un nuovo modello di sanità in Campania.

È stato presentato nel corso di una conferenza stampa dai segretari generali della Cisl Campania e della Funzione pubblica regionale Doriana Buonavita e Lorenzo Medici.

«Il fattore tempo - ha affermato Doriana Buonavita, segretaria generale della Cisl Campania - ritengo sia ormai scaduto. La situazione pandemica ha messo a dura prova tutti noi e la sanità sta pagando un prezzo altissimo in termini di non cura dei malati oltre il Covid. Nulla di quello che avremmo potuto mettere in campo è stato poi attuato. Nonostante le pressanti richieste fatta alla Regione non abbiamo la determinazione del fabbisogno assistenziale, non abbiamo in maniera chiara e dettagliata la consistenza dei precari che ancora ci sono in sanità e soprattutto notizie sulla quantità di risorse da investire nel pubblico e nel privato e i fondi arrivati anche in Campania per fronteggiare la pandemia, come sono state spese e soprattutto non siamo a conoscenza dell’iniziativa che la Regione intende mettere in campo per quel che concerne la medicina territoriale. Il nostro obiettivo è quello di intervenire strutturalmente sul modello del servizio sanitario regionale per riportarlo a livelli accettabili dopo anni di tagli indistinti e scelte sbagliate che lo hanno reso del tutto inadeguato a garantire standard qualitativi di assistenza. Per questo chiediamo alla Regione di investire nella medicina territoriale, in una sana integrazione tra pubblico e privato, piani assunzionali, stabilizzazione precari con requisiti previsti dalle norme, rendicontazione e confronto sui costi di beni e servizi per ottimizzare e rendere più funzionale il sistema sanitario campano».

Video

«La pandemia - ha incalzato Lorenzo medici, segretario generale della Fp Cisl Campania - ha dimostrato che il modello attuale di sanità non va. Si ingolfano gli ospedali, non si danno risposte alle altre malattie, a partire da quelle severe. La soluzione è nella medicina territoriale, utilizzando al meglio i fondi del Pnrr per creare strutture di prossimità, con Asl scorporate dagli ospedali, e nella creazione di distretti in grado di dare risposte ai bisogni di salute. Puntiamo a raccogliere 50 mila firme per un referendum partecipativo chiamando al voto i cittadini della Campania. È la prima volta che succede. Applichiamo l’articolo 15 dello statuto, pronti a fermare la macchina se la Regione condivide la nostra proposta, che è l’unica possibile per una sanità efficiente ed efficace, in grado di coniugare le altissime professionalità esistenti nel settore con una organizzazione ottimale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA