Regionali in Campania, Gay Center: «Eletto consigliere omofobo». Frezza: «No, ho rispetto per tutti»

Mercoledì 23 Settembre 2020

«'Il matrimonio è fra marito e moglie (uomo e donna); altri tipi di 'assortimentì vanno definiti 'Unioni', 'Convivenze' se volete, ma NON matrimoni'. Queste affermazioni, con il non gridato, non sono di un leghista. Il post è di Fulvio Frezza neoeletto consigliere alla Regione Campania nella lista di +Europa».

LEGGI ANCHE Regionali Campania 2020, così ha stravinto De Luca: mezzo milione di voti moderati strappati alla destra

Così Fabrizio Marrazzo, portavoce Gay Center. «La presa di posizione è del 2015, non del secolo scorso - ricorda Marrazzo - Frezza è l'unico Consigliere eletto da +Europa nelle sette regioni in cui si è votato, ed è ancora convinto che ci sono famiglie di serie A e di serie B? Sarà un oppositore dei diritti delle famiglie delle persone Lesbiche, Gay, Bisex e Trans? Alcuni elettori Lgbt del partito della Bonino in Campania sono preoccupati e si sentono ingannati. Li capiamo».

«Ricordiamo che Il manifesto elettorale di +Europa era 'Napoli può battere Barcellona' e 'faremo della Campania una Danimarca!' Slogan che dopo la elezione di Frezza appaiono risibili. Suggeriamo a +Europa - conclude il portavoce di Gay Center - di prendere le distanze da quel signore eletto anche grazie ai voti di gay, lesbiche, bisex e trans, che ignari hanno votato la lista, che ora si sentono traditi».

Pronta la replica del consigliere Frezza: «Non mi offendo facilmente, ma se qualcuno mi dà senza conoscermi dell’omofobo mi arrabbio davvero. Ho pienamente rispetto per qualsiasi orientamento sessuale, il rispetto di tutti è per me l’unica stella polare. Ho già risposto, ribadisco: nel 2015 sostenni che fosse opportuna la differenza tra unione civile e matrimonio. A distanza di qualche anno, sono pronto a dire che si può considerare ormai superata la differenza. Il partito a cui sono iscritto e che rappresento in Consiglio Regionale, Più Europa, è favorevole al matrimonio egualitario. Non è ovviamente un tema da consiglio regionale, ma sottolineo che ormai è tempo di superare la distinzione e riconoscere a tutti l’istituto del matrimonio. PS. Occupiamoci della cultura omofoba dove davvero sta, anche in Campania».

 

 

𝐏𝐈𝐔' 𝐄𝐔𝐑𝐎𝐏𝐀 𝐄𝐋𝐄𝐆𝐆𝐄 𝐂𝐎𝐍𝐒𝐈𝐆𝐋𝐈𝐄𝐑𝐄 𝐑𝐄𝐆𝐈𝐎𝐍𝐀𝐋𝐄 𝐎𝐌𝐎𝐅𝐎𝐁𝐎 𝐈𝐍 𝐂𝐀𝐌𝐏𝐀𝐍𝐈𝐀 𝐼𝑙 𝑚𝑎𝑡𝑟𝑖𝑚𝑜𝑛𝑖𝑜 𝑒̀ 𝑓𝑟𝑎 𝑚𝑎𝑟𝑖𝑡𝑜 𝑒 𝑚𝑜𝑔𝑙𝑖𝑒 (𝑢𝑜𝑚𝑜 𝑒 𝑑𝑜𝑛𝑛𝑎); 𝑎𝑙𝑡𝑟𝑖...

Pubblicato da Fabrizio Marrazzo su Mercoledì 23 settembre 2020

Ultimo aggiornamento: 21:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA