Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bagnoli, de Magistris: «Le parole del premier sono gravissime, scorrette e false»

Martedì 24 Maggio 2016
Bagnoli, de Magistris: «Le parole del premier sono gravissime, scorrette e false»
NAPOLI - «Le parole di Renzi sono gravissime, scorrette e false e per di più registriamo un ulteriore intervento del premier a poco più di sette giorni dal voto». Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, replica alle parole del presidente del Consiglio che, nel firmare il protocollo con Anac per le procedure sulla bonifica di Bagnoli, ha detto «se gli enti locali non fanno, ora tocca a noi». «Renzi deve smettere di fare campagna elettorale visto che ha affermato che le amministrative non sono politiche».

Il sindaco di Napoli ha affermato che «smascherare la falsità» delle parole del presidente Renzi «è molto semplice perchè lui sa perfettamente che essendo Bagnoli un sito di interesse nazionale la bonifica la deve fare il Governo». Secondo de Magistris, Renzi avrebbe dovuto dire che «siccome per 15 anni i Governi nazionali non hanno fatto nulla, ora in piena campagna elettorale ci pensava lui».

Comunque, secondo il sindaco uscente, «non avrebbe detto tutta la verità». «Se oggi si iniziano i piani di bonifica è grazie all'ordinanza Chi inquina paga che ho emesso il 3 dicembre del 2013» ha affermato. L'ex pm ha ricordato che in quella ordinanza, impugnata dal Governo e confermata dal Consiglio di Stato, si obbliga il Governo «a risarcire Napoli, i napoletani e le famiglie delle vittime e a rimuovere la colmata. Quella ordinanza costringe giuridicamente Renzi a fare la bonifica di Bagnoli».
© RIPRODUZIONE RISERVATA